Porto di Sapri - Cilento

Sapri: cosa vedere tra centro, spiagge e dintorni

Sono arrivata a Sapri dopo un viaggio in treno di 2 ore da Salerno su un regionale e, con mia sorpresa, devo ammettere che è stato davvero comodo. Non credo di aver mai trovato un regionale così nuovo e pulito! Esperienza super piacevole che mi ha permesso di affrontare la un intenso blog tour piena di energia.

La stazione di Sapri, in realtà, è stato il mio punto di arrivo ma non era Sapri la prima meta dell’itinerario bensì la vicina Vibonati per cui, ritornerò qui più tardi per iniziare la visita, partendo dal centro di questo grazioso borgo del Cilento, inserito nel bellissimo contesto del Golfo di Policastro.

Città più meridionale della Campania, Sapri è famosa per la sua “Spigolatrice” ma tante sono le attrazioni da visitare. Nonostante le piccole dimensioni, infatti, questo borgo marinaro ha tanto da offrire. Vi racconto cosa vedere a Sapri, tra centro, spiagge e dintorni.

Cosa vedere a Sapri: attrazioni del centro

Statua della “Spigolatrice”

Una poesia di Luigi Mercantini che racconta la spedizione di Carlo Pisacane nel 1857 a Sapri, nel tentativo di sollevare la popolazione contro il regime borbonico. Al centro della poesia una donna, una spigolatrice, che saluta i trecento combattenti giovani e forti sacrificatisi per unificare l’Italia.

Eran trecento, eran giovani e forti e sono morti. Me ne andavo al mattino a spigolare quando ho visto una barca in mezzo al mare: era una barca che andava a vapore e alzava una bandiera tricolore“…

A lei è dedicata una statua di bronzo, sul lungomare cittadino, nell’atto di rivolgere il suo sguardo verso il mare, sicuramente tra le cose da non perdere in una visita di Sapri.

Casa del “Buon pastore”

Edificio simbolo di Sapri, si tratta di una struttura in stile Liberty sudamericano, voluta dal Mecenate saprese Cavalier Giuseppe Cesarino e inaugurata nel 1925. Giuseppe Cesarino, noto benefattore di Sapri, la donò al Comune per l’accoglienza di poveri e ammalati e per molto tempo è stata utilizzata come casa per anziani gestita dalle Elisabettine .

Una vera opera d’arte da curare e preservare anche per le generazioni future come esempio di ingegno e creatività artistica che ricorda il mondo ricco patrimonio architettonico e il significato di umanità che il poderoso edificio racchiude. Attualmente è in fase di ristrutturazione.

Statua di Carlo Pisacane

All’interno della Villa Comunale di Sapri, sorge la statua in bronzo, opera dell’artista Chiaromonte, eretta in onore di Carlo Pisacane nell’anno 1933. Figura controversa del Risorgimento Italiano, Pisacane fu cospiratore di un movimento contro i Borbone che ebbe uno dei momenti principali proprio nello sbarco a Sapri. Il bronzo volge le spalle al mare e con lo sguardo fiero si rivolge verso i monti, verso la battaglia che poi lo vide morire.

Piazza Plebiscito

La piazza principale su cui affaccia la Chiesa dell’Immacolata, chiesa madre, il più grande edificio di culto di Sapri. Di stile neoclassico, è stata ricostruita intorno al 1730 ( sulla precedente del 1630 ). Si trova nella piazza più importante del paese e sopravanza le altre costruzioni che si affacciano sulla piazza del Plebiscito, dando una prospettiva veramente interessante.

Di rilievo il portale in bronzo, opera del 1983, ricca di significato, che rappresenta una veduta del golfo di Sapri dove sono rappresentate in modo magistrale la Crocifissione e la Resurrezione di Gesù Cristo
A navata unica con cappelle laterali, interessante è l’organo ed il soffitto con l’affresco della Madonna.. Alle sue spalle si trova il borgo Marinella il quartiere più antico di Sapri con il famoso Pozzo di San Vito, dedicato al santo patrono di Sapri.

Porto di Sapri

Il Porto di Sapri è un porto turistico moderno, completamente attrezzato e progettato per offrire comfort e sicurezza ai suoi visitatori. Situato nel suggestivo Golfo di Policastro, sulla costa meridionale della regione Campania, questo porto è uno dei più grandi del tratto costiero da Salerno a Vibo Valentia.

Una vera e propria gemma incastonata vicino al famoso Parco Nazionale del Cilento, ai confini della regione Basilicata. La sua posizione strategica lo rende un luogo ideale per gli appassionati di yacht e per coloro che desiderano esplorare le affascinanti coste del Mar Tirreno.

Sentiero “Apprezzami l’asino”

Una delle passeggiate più caratteristiche e paradisiache tra i più conosciuti del Golfo di Policastro e dell’intero sud Italia, Oggi meglio conosciuto come il “Sentiero degli innamorati”. La leggenda narra che un tempo questo sentiero era l’unica strada per collegare Sapri ad Acquafredda in Basilicata ma essendo molto stretta quando si incontravano due asini il mezzo di trasporto di un tempo si faceva una scelta brutale.

Occorreva valutarli e previo risarcimento al proprietario l’asino più brutto veniva precipitato in mare liberando il passaggio per quello più bello. Ai giorni nostri si é fatto spazio al romanticismo, però, ed il sentiero è stato ribattezzato “Sentiero degli innamorati“. In effetti è difficile non essere romantici dinanzi ad un paesaggio simile dove al tramonto Si può ammirare il sole che si bacia col mare.

Torre della Specola

Tra gli altri posti da non perdere a Sapri c’è la Specola, torre del 1927 sede dell’osservatorio astronomico. Si trova all’ingresso di Sapri ed è una costruzione di grande bellezza dovuta al Mecenate saprese Cavalier Giuseppe Cesarino.

Nacque come osservatorio astronomico posta sotto la costellazione del cigno. La costruzione del primo corpo avvenne nel 1926 e fu completata nel 1927. Di fianco, troviamo l’obelisco dedicato a Carlo Pisacane. Pisacane, infatti, nel celebre spedizione dei 300, sbarcò proprio qui, dov’è presente l’obelisco in suo onore. 

Chiesa di Santa Croce

Oggi appartenente alla Parrocchia di San Giovanni Battista, la Chiesa di Santa Croce, fu costruita nel 1898, su intercessione del cavaliere Cesarino e ad opera di Frate Angelico, apprezzabile artista e scultore proveniente dal materano.

Tuttavia, alcune fonti confermerebbero la tesi secondo cui l’architetto che si occupò di Santa Croce, era lo stesso progettista autore della Cattedrale de Santos a San Paolo in Brasile, ovvero il tedesco Maximilian Emil Hehl. 

Spiagge di Sapri

Insomma, oltre la Spigolatrice c’è di più. Attrazioni culturali, storiche, percorsi naturalistici e ovviamente il mare cristallino e le spiagge incontaminate del Golfo di Policastro, alcune ampie e vivaci, altre raccolte in calette intime e tranquille.

Il fulcro del litorale è il Porto di Sapri, da cui si estende una delle spiagge principali, amata dagli abitanti e dai turisti. Qui, potrai goderti il caldo sole e le acque cristalline, ideali per rilassarsi e fare un tuffo rinfrescante.

Tuttavia, il tesoro nascosto di Sapri risiede tra il Porto e i confini con la Basilicata dove troverai alcune calette appartate, avvolte dalla natura selvaggia, perfette per chi cerca momenti di pace lontano dalla folla. Quanto basta per regalarsi una vacanza indimenticabile!

Ecco le spiagge più belle di Sapri:

  1. Spiaggia delle Cammerelle o Camerelle: Questa piccola spiaggia, vicino alla Torre della Specola, è legata alla storia di Sapri e offre un fondale stupendo con acqua cristallina, ideale per lo snorkeling.
  2. Spiaggia del Lungomare di Sapri: La spiaggia più grande della città, perfetta per le famiglie e i bambini grazie alla sua acqua poco profonda. Qui troverete anche lidi attrezzati e la comodità di avere ristoranti e bar a portata di mano.
  3. Spiaggia di San Giorgio: Situata tra il porto turistico e il Lungomare, questa spiaggia sabbiosa si estende verso l’entroterra e offre fondali poco profondi, rendendola adatta anche ai bambini.
  4. Spiaggia Torre di Capobianco o spiaggia degli Angeli: Questa caletta rocciosa nei pressi della Torre Saracena di Capobianco è perfetta per gli amanti dello snorkeling e offre un’atmosfera suggestiva.
  5. Spiaggia Grotta di Cartolano e della Grotta della Colonna: Situata vicino a due suggestive grotte, questa spiaggia rocciosa offre un’esperienza unica in mezzo alla natura selvaggia. Le saline presenti aggiungono un tocco di bellezza al paesaggio.

Sapri: cosa vedere nei dintorni

Sapri offre diverse attrazioni e luoghi interessanti da visitare anche nei suoi dintorni. Ecco alcuni suggerimenti su cosa vedere a Sapri e dintorni:

  • Vallo di Diano: una regione storica e paesaggistica di notevole interesse, situata nella provincia di Salerno, famosa per i suoi borghi antichi e la cultura contadina. Scopri di più: Cosa vedere nel Vallo di Diano
  • Vibonati: un affascinante borgo antico del Cilento, con un centro storico interessante e paesaggi circostanti di grande bellezza.
  • Palinuro: una località costiera incantevole situata proprio lungo il litorale del Mar Tirreno, rinomata per le sue spiagge di sabbia dorata e acque cristalline, che la rendono il Cilento perfetto per i bambini e una meta ideale per tutti gli amanti del mare e del relax.
  • Marina di Camerota: un’accogliente località balneare del Cilento a breve distanza da Palinuro che offre splendide spiagge e un mare cristallino. Scopri di più: Cosa vedere a Marina di Camerota
  • Maratea: pittoresca cittadina costiera della Basilicata con spiagge e paesaggi spettacolari, Maratea è famosa per la statua del Cristo Redentore. Scopri di più: Cosa vedere a Maratea

Dove dormire a Sapri

Booking.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.