Cosa vedere nel Cilento: 10 posti stupendi da visitare

Adoro il Cilento. Sebbene sia molto sottovalutato rispetto alle località della Costiera Amalfitana, non posso tornare in Campania senza farci almeno una visita ogni anno e, così facendo, di volta in volta, si scoprono posti sempre più belli. Un elenco di cosa vedere nel Cilento limitato a 10 posti soltanto da visitare è davvero difficile da scrivere, devo dirvelo. Perché accanto a quelli più famosi, ce ne sono tanti semisconosciuti ma ugualmente belli per cui la lista potrebbe allungarsi all’infinito. Per ragioni di praticità e sintesi, quindi, inizierò da questi 10. Pronti? Via!

10 posti da vedere nel Cilento

1. Certosa di Padula

Non si dovrebbe mai parlare di Cilento senza citare questo grande Patrimonio Unesco che è la Certosa di San Lorenzo a Padula, uno dei più grandi complessi monumentali e monastici dell’Italia meridionale nonché d’Europa, sia per la sua magnificenza architettonica sia per l’abbondanza dei tesori artistici in essa presenti. La sua costruzione è stata voluta dal conte di Marsico e Signore del Vallo di Diano, Tommaso Sanseverino, con la speranza che la presenza dei monaci certosini potesse accelerare i lavori di bonifica del territorio, reso paludoso a causa delle inondazioni del fiume Tanagro. Infatti, Padula, notasi  la trasposizione delle lettere D e L, deve il suo nome proprio alla conformazione geografica della pianura sottostante. I lavori iniziarono nel 1306, per poi proseguire, fra ristrutturazioni e ampliamenti, fino al 1800 circa.

Per approfondire, continua la lettura qui

2. Santuario del Getsemani

Improbabile trovare il Santuario del Getsemani nelle guide su Cosa vedere nel Cilento. Perché? Beh, non è esattamente una meta turistica popolare.Eppure quest’oasi di spiritualità nel Parco Nazionale del Cilento, situata alle pendici del Monte Calpazio e frequentato, invece, da moltissimi fedeli, rappresenta un meraviglioso luogo di preghiera riesce a regalare, oltre all’atmosfera di pace e serenità, anche un magnifico panorama sulla pianura del Sele e sul Golfo di Salerno. E a prescindere dalla propria confessione religiosa e dal fatto di essere più o meno praticanti, questo spazio sacro immerso nella natura merita senz’altro una visita.

LEGGI QUESTO POST, PER SAPERNE DI PIÙ

3. Mare e spiagge ad Acciaroli

Nella lista di cosa vedere nel Cilento, non può ovviamente mancare anche Acciaroli, frazione del comune di Pollica, un semplice borgo di pescatori sul mare che ha saputo farsi conoscere ed apprezzare, però, per le sue tradizioni, i negozietti, i ristoranti tipici, il lungomare, bellissimo al tramonto e ovviamente le spiagge pulite ed il mare limpido, così limpido da ottenere per diversi anni consecutivi le 5 vele, il massimo riconoscimento conferito da Legambiente e dal Touring Club Italiano per la qualità delle acque, l’efficacia della raccolta differenziata dei rifiuti, la gestione delle risorse idriche, la presenza di aree pedonali, efficienza dei servizi, la valorizzazione del paesaggio e delle produzioni locali.

4. Belvedere di San Costabile

Santa Maria di Castellabate è un grazioso borgo del Cilento e uno dei borghi più belli d’Italia, arroccato su una collina con vista sulla costiera Cilentana che nel 2009 è stato scelto come ambientazione della famosa pellicola “Benvenuti al Sud”. Negli ultimi anni, essendo diventato una meta turistica molto popolare, vengono organizzate gite, escursioni da tutta Italia e persino dei tour guidati direttamente da Paestum tra le location del film ed i luoghi più significativi di Castellabate. Tra questi non posso non citare il Belvedere di San Costabile, assolutamente imperdibile, che regala una vista eccezionale sul Golfo di Salerno, Ischia e Capri.

SCOPRI COSA VEDERE A CASTELLABATE

5. Grotte di Pertosa-Auletta

Avete mai visto un fiume sotterraneo? Il momento di visitare le Grotte di Pertosa-Auletta è arrivato allora. Al loro interno potrete addirittura navigarlo. Le Grotte di Pertosa-Auletta sono, infatti, l’unico sito speleologico in Europa dove è possibile farlo, prendendo parte ad una visita guidata. Attraversando il fiume Negro, si viene catapultati e in un viaggio fantastico, di oltre un chilometro, ricco di stalattiti e stalagmiti che emozionano e stupiscono al tempo stesso per raggiungere la cascata interna, la Sala del Paradiso e spingersi fino alla Grande Sala, la Sala delle Spugne e il Braccio delle Meraviglie. Le parole non rendono tutta la meraviglia, lo so. Vi toccherà andarci di persona!

6. Templi di Paestum

I templi di Paestum, uno dei posti più belli da visitare nei dintorni di Salerno, con il loro aspetto maestoso, immersi nella natura verdeggiante, rappresentano per me un luogo speciale e davvero incantevole. Chi è zona può andarci tutto l’anno per trascorrere una giornata diversa dal solito mentre in tanti tra i turisti scelgono Paestum anche per le loro vacanze estive. La vicinanza alla costiera Amalfitana e alla costiera Cilentana e la presenza dei templi di Paestum fanno di questo territorio la meta ideale per un tuffo al mare e nella storia. Considerata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità, Paestum è considerata una delle più belle città della Magna Graecia da visitare e scoprire per tutto ciò che ha da offrire in termini di arte, natura, sapori ed eventi. Paestum è, infatti, un’area archeologica di grande interesse, per la presenza degli scavi che risalgono al 600 a. C., periodo in cui era un’importante centro di scambi culturali e deteneva un forte potere politico ed economico.

PER APPROFONDIRE, CONTINUA LA LETTURA QUI!

7. Marina di Camerota

Un viaggio nel Cilento non sarebbe completo senza passare per Marina di Camerota che ho visitato da poco e mi è piaciuta moltissimo e non solo per il mare bellissimo, le sue meravigliose spiagge, le coste frastagliate e le tante grotte così amate dai paleontologi. La perla del Cilento, come viene definita, offre al visitatore molto altro dalle escursioni nella natura, agli itinerari culturali, a partire dal suo centro storico, che è un vero gioiellino. Il borgo marinaro di Camerota è, infatti, intatto e sarà difficile non restare a bocca aperta davanti alle sue stradine strette, ponti, archi e scalinate (decisamente ripide!) che portano direttamente al mare.

8. Sito archeologico di Velia/Elea

E se, anche solo per un attimo, avete pensato al Cilento unicamente come destinazione di mare, come avete avuto già modo di leggere, questa terra incantevole vanta anche la presenza di importanti siti archeologici. Tra questi il sito di Velia/Elea, fondato verso il 540 a.C. da coloni focei merita sicuramente una visita anche per l’importanza storica della città. L’antica città di Elea rimase, infatti, tenace custode dell’ellenismo ed è ricordata soprattutto per essere sede della scuola filosofica eleatica, fondata da Parmenide. Oggi, di essa, restano l’Area Portuale, Porta Marina, Porta Rosa, le Terme Ellenistiche e le Terme romane, l’Agorà, l’Acropoli, il Quartiere Meridionale e il Quartiere Arcaico, visitabili tutti i giorni, eccetto il martedì.

9. Borgo antico di Agropoli

Per scoprire il Cilento più vero, non si può non fare una visita anche nel borgo medievale di Agropoli, considerata la porta d’ingresso del Cilento e senza dubbio una delle cittadine più belle di questo angolo di Campania, purtroppo (o per fortuna) ancora poco frequentato dal turismo di massa. Ci sono stata tante volte, vista la vicinanza a Salerno, la mia città natale, da cui dista circa un’oretta per cui voglio condividere con voi un elenco di cosa vedere ad Agropoli in un giorno! Sono sicura che ti basteranno poche ore per entrare in sintonia con tutta la sua genuina bellezza! La visita di Agropoli non può che partire dal cuore più antico di questa cittadina del Cilento ovvero il suo affascinante centro storico ricco di cose da vedere.

CLICCA QUI Per SAPERE COSA VEDERE AD AGROPOLI

10. Oasi Fiume Alento

L’Oasi del Fiume Alento, situata tra Agropoli e Vallo della Lucania, è sicuramente una di quelle cose da vedere nel Cilento che in pochi conoscono. Eppure, estesa su un’area di oltre 3 mila ettari, quest’oasi incantevole immersa nella natura e costituita da laghetti, fontane e ruscelli, aree attrezzate, foresteria, parco giochi, ristoranti e un orto botanico, è un posto davvero speciale dove trascorrere un pomeriggio di relax ma anche all’insegna del movimento. Anche i più dinamici, infatti, non riusciranno ad annoiarsi tra noleggio biciclette, tiro con l’arco, pesca sportiva e tante altre attività sportive, adatte a tutti. Perché il Cilento è molto di più di quello che ti aspetti!

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.