Best in Travel 2018: Matera tra le 10 città da visitare secondo la guida Lonely Planet

Matera ufficialmente tra le destinazioni Best in Travel 2018 è un viaggio che tocca il cuore nel profondo. E devo ringraziare la Lonely Planet per l’invito al blog tour organizzato in occasione della presentazione della guida se ho potuto rivederla a distanza di un anno. Tornarci è stato emozionante! C’è un qualcosa di primordiale in questo luogo, c’è una magia, un autenticità, una bellezza che toglie il respiro e te lo restituisce subito dopo nelle suggestive balconate panoramiche che ci regalano di lei scorci davvero splendidi.

Best in Travel 2018: un anno in viaggio con Lonely Planet

Ma partiamo dall’inizio. Cos’è Best in Travel? Best in Travel è una guida di viaggio Lonely Planet che offre itinerari e spunti per viaggiare ogni anno verso alcune delle migliori destinazioni del mondo e vivere un’esperienza assolutamente indimenticabile. E come ogni anno, anche per il 2018 la guida è arrivata e io ho avuto il privilegio di tenerla tra le mani in anteprima grazie all’invito in quanto travel blogger alla sua presentazione che si è tenuta all’Accademia Americana di Roma il 25 ottobre 2017.

In quest’occasione alcune delle destinazioni presenti nella guida sono state presentate da ospiti d’eccezione quali Claude Zammit Trevisan, il direttore marketing per l’Italia di Malta Tourism Authority per Malta, Jorge Rubio Navarro, direttore dell’Ufficio spagnolo del turismo per Siviglia, Giovanna Sainaghi, direttrice dell’ente del turismo delle Fiandre per Anversa, Aljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo in Italia per le Alpi Giulie e Ana Labadze per la l’Ente turistico della Georgia.

Best in Travel 2018: Matera fra le 10 città da visitare

Tra le mete consigliate dalla guida Best in Travel 2018 ce n’è anche una tutta italiana, Matera a cui accennavo prima. Una bellissima città che ho visitato lo scorso anno in occasione dell’evento accessibilità in viaggio. I motivi di questa scelta da parte della Lonely Planet sono tanti ma di sicuro il fatto di saperla una delle città abitate più antiche al mondo la rende inevitabilmente anche una delle più affascinanti, parere condiviso anche dall’Unesco che nel 1993 ha deciso di inserirla tra i siti Patrimonio dell’Umanità utilizzando per la prima volta il concetto di Paesaggio Culturale, tra i criteri di selezione.

Ma la Città dei Sassi non si aggiudica la settima posizione tra le 10 città consigliate dalla Lonely Planet solo per la sua anzianità o per la peculiarità dei suoi paesaggi “culturali”. Le va riconosciuta anche la capacità di aver affrontato e superato un lungo periodo di declino, ampiamente dimostrata dai tanti restauri che l’hanno vista rinascere piano piano e diventare una meta turistica di tutto rispetto in grado di accogliere i suoi visitatori in dimore di charme, alberghi diffusi, ristoranti e locali scavati nella roccia, lasciandomi ispirare dalla sua storia drammatica e turbolenta ma anche estremamente affascinante e suggestiva.

Blog tour a Matera con Lonely Planet per conoscerla meglio

Quando ho ricevuto l’invito al blog tour, mi è stata imposta una condizione: la destinazione sarebbe stata segreta fino al giorno della presentazione della guida e così è stato. Ho fatto le valigie senza sapere verso quale luogo fossi diretta e ho atteso con impazienza di poterlo finalmente scoprire. Poi, la notizia è arrivata: “il blog tour della Lonely Planet si farà a Matera” e in effetti quale migliore destinazione di una delle dieci città consigliate dalla guida! Così, treno da Milano all’alba e zaino in spalla, è iniziata la mia avventura.

Una volta a Roma me ne sono andata un po’ in giro prima di raggiungere l’evento all’Accademia Americana ed è da qui che sono poi ripartita intorno alle 21 alla volta della Città dei Sassi. Siamo arrivati a notte fonda dopo ben 6 di viaggio in bus, stanchi, assonnati e indolenziti! La voglia di lanciarsi nella scoperta però era davvero tanta e il giorno seguente, iniziato al top grazie all’incredibile vista dalla mia camera (la foto qui sopra ne è la prova), non ho fatto altro che passeggiare, ammirare, fotografare, sorprendermi e assaporare Matera.

Purtroppo, la permanenza è stata fin troppo breve. Mi è stato “concesso” soltanto un giorno a Matera, esattamente come lo scorso anno eppure anche stavolta porto con me una valigia piena di intensi ricordi. Tra quelli assolutamente indelebili c’è senz’altro lo spettacolo affascinante di luci e ombre a cui si può assistere col calar della sera. Come per incanto la città dei sassi si trasforma e prende le sembianze di uno sfavillante presepe a grandezza naturale che non si può fare a meno di ammirare estasiati.

E penso di aver scattato una trentina di foto come questa, tanto per dire!

Matera Best in Travel 2018 e Capitale Europea della Cultura 2019

Ma i riconoscimenti per Matera non si limitano alla Best in Travel 2018 perché anche nel 2019, la città lucana sarà indiscussa protagonista vista la conquista del titolo ufficiale di Capitale Europea della Cultura ottenuto battendo in finale Ravenna, Cagliari, Lecce, Perugia e Siena e conferitole da Steve Green, presidente della Giuria internazionale di selezione, che ha utilizzato come principale criterio di scelta, il livello di “partecipazione della città e dei cittadini e la buona governance e il retaggio che verrà lasciato”.

E non poteva di certo mancare all’evento di presentazione della guida, Paolo Verri, direttore della Fondazione Matera 2019, che dal 2014 si è impegnato nella valorizzazione di Matera e della Basilicata a livello europeo con l’intento di far conoscere a tutti le sue tante bellezze e il forte messaggio di cui si fa portatrice. Perché Per Paolo Verri, torinese di nascita ma lucano di adozione, Matera è prima di tutto un luogo del cuore in cui innamorarsi, testimonianza di quei valori semplici per i quali vale la pena vivere.

Volete conoscere tutte le tappe del nostro blog tour a Matera? A breve online…

Scrivere articoli richiede moltissimo tempo e impegno. Se il post ti è piaciuto, aiutami a condividerlo: a te non costa nulla, per me è davvero importante!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *