5 esperienze enogastronomiche in Umbria tra prodotti tipici e piatti umbri

5 esperienze enogastronomiche in Umbria tra prodotti tipici e piatti umbri

L’Umbria è la meta ideale per trascorrere un weekend, staccare la spina dai ritmi quotidiani, rigenerarsi a contatto con la natura e tra le esperienze in Umbria che vale la pena di fare ci sono senz’altro quelle legate alla sua tradizione enogastronomica.

Considerata da molti “il cuore verde d’Italia“, l’Umbria è un terra in cui questo diventa possibile anche grazie ad uno stile di vita salutare che si basa su un’alimentazione corretta e genuina.

Ho trascorso un weekend a Montecchio, grazioso borgo medievale in provincia di Terni, a poca distanza da Orvieto, ospite dell’Eco B&B Villa Eleiva, e voglio raccontarvi alcune esperienze enogastronomiche che dovete assolutamente provare. Eccole qui!

5 esperienze enogastronomiche in Umbria

1. Partecipare ad una lezione di cucina

Ma il nostro weekend goloso in Umbria inizia ora con una bella lezione di cucina. Mi piace l’idea di partecipare a questa esperienze quando viaggio. Anche in Valdera e ad Artimino le ho provate ed è stato davvero arricchente. Protagonista della lezione non poteva che essere una ricetta umbra e la scelta è ricaduta su quella del Panpepato, un dolce tipico natalizio a base di (tanta) frutta secca, miele, cioccolato e ovviamente pepe.

Vi sembrerà una stranezza mettere del pepe nella ricetta di un dolce e, invece, vi assicuro che la combinazione di sapori non delude affatto il palato e mettere le mani in pasta e collaborare tutti insieme alla realizzazione di questo insolito dolce è stato molto divertente ed istruttivo.

2. Organizzare un Pic nic tra gli ulivi

L’altra bella occasione conviviale è arrivata subito dopo, all’ora di pranzo che è stato organizzato tra gli alberi di ulivo della Villa, approfittando della bella giornata di sole. Ognuno di noi si è caricato in spalla chi cestini e bicchieri, chi sedie da campeggio, chi tovaglia e posate e dopo aver scalato una piccola collinetta ci siamo sistemati sotto gli alberi e abbiamo mangiato, in stile “scampagnata”. E nella nostra di scampagnata non poteva mancare la mitica bruschetta inzuppata in olio EVO locale, una vera delizia.

3. Raccogliere prugnoli selvatici

Il tempo di gustare, conversare e riportare tutto in cucina ed eccoci già al pomeriggio che abbiamo trascorso raccogliendo prugnoli. Voi direte “sarebbero!?”. Beh, provo a spiegare perché ne ho scoperto l’esistenza da poco anche io. In pratica, i prugnoli sono delle piante spinose che producono dei frutti simili ai mirtilli ma con un sapore acidulo e vengono utilizzati in molte parti del mondo per preparare liquori.

In Umbria sono particolarmente comuni e di queste piante se ne se ne trovano molte tant’è che ormai vengono utilizzati anche nella preparazione di altri prodotti, come marmellate, dolci e persino un liquore speciale, una sorta di grappa, ottenuta dall’ infusione di bacche di prugnolo selvatico con proprietà digestive da consumare a fine pasto.

4. Fare una degustazione di vino/olio

Per immergerti veramente nell’immenso patrimonio enogastronomico dell’Umbria, non può mancare una degustazione di olio guidata durante la quale abbiamo imparato a conoscere e riconoscere il sapore dell’olio EVO di qualità che deve essere essenzialmente amarognolo e piccante. Ma anche l’assaggio per essere corretto ha dei requisiti: ad esempio, non bisognerebbe bere nelle ore precedenti bevande come il caffè né mangiare cibi come il finocchio o il cioccolato che altererebbero tutti gli altri sapori.

Un’altra esperienza in Umbria da fare assolutamente è, poi, una degustazione di vino umbro. In questo caso vi consiglio una visita al vigneto di Bocale a Montefalco, nelle vicinanze di Perugia. Questa azienda agricola, gestita con passione e dedizione dalla famiglia Valentini, produce vini di alta qualità utilizzando metodi artigianali tramandati attraverso le generazioni. L’intero processo di produzione avviene nel rispetto dell’ambiente, con l’utilizzo di energie rinnovabili e senza l’uso di concimi chimici.

5. Assaggiare prodotti e piatti umbri

Ormai siamo alla conclusione della nostra avventura ma non prima di aver gustato i piatti della cucina locale che per cena ci ha deliziati con zuppa di lenticchie, melanzane grigliate, tortelli di patata e polpette di zucca accompagnati da diversi tipi di olio EVO e vini di produzione locale. La perfetta conclusione per una giornata trascorsa in mezzo alla natura assaporando i prodotti tipici e genuini del territorio.

Avete voglia di viverne una così anche voi? Potete provare un’esperienza culinaria a casa di un locale e godervi un menu di 4 portate con antipasto, pasta, piatto principale con contorno e dessert con bevande incluse (acqua, selezione di vini rossi e bianchi delle cantine regionali e caffè).

Dove dormire a Terni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.