Siamo in Laos: un whisky con cobra per me, grazie!

Polvere sei e polvere tornerai, ma tra una polvere e l’altra un buon bicchiere non fa mai male.

Proverbio yiddish

Quando io e mio marito approdiamo sulle sponde dell’isola di Don Sao la prima cosa che vogliamo vedere sono le bottiglie di whisky laotiano. Avevo già letto qualcosina sul web ed ero rimasta incuriosita dal particolare ingrediente con cui viene prodotto: il cobra. Sì, avete capito bene: non essenza di cobra o aroma al cobra. Eh no, non sarebbe stato abbastanza inquietante!

Stiamo parlando di un vero e proprio cobra inserito all’interno, ovviamente morto (le foto rendono l’idea meglio della descrizione). Gli animalisti si scateneranno per l’uso decisamente improprio dell’animale ed io, per prima, pur non essendo una grande appassionata di serpenti, devo ammettere che vedere dei poveri cobra imbottigliati non è il massimo.

don_sao_whisky_cobra_laos_specialita

Eppure, il whisky con cobra è una vera specialità del Laos e dell’Asia in generale. Molto diffuso anche in Thailandia, Vietnam e Cina, questo whisky sarebbe in grado di curare diverse patologie quali reumatismi, lombaggine e quella che loro definiscono in un inglese un po’ maccheronico “sweat of limbs“, forse, traducibile con eccessiva sudorazione del corpo.

Per ottenere l’effetto desiderato, basta assumerne “un bicchierino due volte al giorno prima dei pasti“, suggerisce l’etichetta! In tutto il villaggio di Don Sao, che si presenta come un grande mercatino open-air pieno di bancarelle, la merce principale sono proprio queste celebri bottiglie di whisky. Curiosando più da vicino, mi accorgo che esistono delle varianti.

In alcune bottiglie, infatti, di cobra se ne trovano due e in altre, invece del cobra, c’è lo scorpione oppure un cobra e uno scorpione, per chi non vuole farsi mancare nulla.  Pur essendo “venduta” come  specialità del Laos, la maggior parte dei turisti si avvicina soltanto per guardare e del nostro gruppo di viaggio, siamo i soli a comprarne… Eh già. i visitatori stranieri non sembrano apprezzare particolarmente queste bottiglie di whisky.

don_sao_whisky_cobra_laos

Forse non conoscono la credenza laotiana secondo cui, bevendo un bicchiere di questo whisky, lo spirito del serpente o dello scorpione entra nel bevitore e ne diventa parte integrante, conferendogli la forza, la virilità e la resistenza che lo caratterizzano. Sarà davvero così, mi chiedo? Beh, mio marito non l’ha ancora assaggiato, quindi, non posso confermare.

Al momento la bottiglia è ancora ben chiusa in una vetrinetta del mio soggiorno e non mi pare che lui intenda aprila. Potremmo usarla per fare uno scherzo, però. Qualcosa del tipo: “Ehi stasera vi faccio provare un whisky eccezionale! Dai, assaggiate e ditemi se vi piace… poi vi spiego cos’è”. Già mi immagino la faccia che faranno… speriamo che non leggano questo articolo!

6 Commenti

  1. Lo scherzo sarebbe davvero cattivo! 😀 Io non ho avuto il coraggio di assaggiarlo il whisky al serpente. Mi fece troppa impressione la testa del serpente che sbucava fuori dal barattolo quando la signora del banchetto ce lo offrì..

  2. Giuseppe

    Peccato che l’importazione di questi souvenir rischi di trasformarsi in un salasso per l’incauto acquirente, difatti il cobra in questione è un animale protetto dalla convenzione di Washingston (CITES) che regolamenta il commercio di animali e piante in via di estinzione, conseguentemente introdurre in territorio UE animali protetti o loro derivati senza le dovute certificazioni fa incorrere il detentore dell’oggetto nel sequestro della merce e in una sanzione amministrativa di 5.000 €.
    Diciamo che a voi che l’avete importata è andata bene che non siete stati fermati per il controllo in dogana, voi che viaggiate molto e spesso, dovreste essere a conoscenza di queste cose e dissuadere, più che promuovere, dall’acquisto di simili “souvenir”.

    1. Ho scritto questo articolo diversi anni fa ormai. Le cose cambiano, cambiamo anche noi e cambia la nostra esperienza di viaggiatori così pure il punto di vista che abbiamo su ciò che accade intorno. Che ti devo dire, era il mio primo viaggio intercontinentale, il mio primo viaggio in Asia, non ero consapevole di queste dinamiche e in quel momento ci è sembrato divertente acquistarlo! Oggi non lo ricomprerei tanto più che sono diventata vegetariana e sono ancora più sensibile rispetto a certe cose. Ciao!

  3. antonio

    Si trova in molti siti internet dove è possibile comprarlo certo che berlo sul posto è piu entusiasmante. Io l’ho bevuto e devo dire che mi ha caricato di adrenalina tanto di aver chiesto il bis. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.