Come risparmiare a Parigi: 5 consigli per visitare la Ville Lumière spendendo poco

Vuoi a Parigi ma hai paura di quanto potrebbe costare? Questo post è proprio per te. Ti spiegherò come risparmiare a Parigi dandoti dei consigli utili per visitare la Ville Lumiére spendendo poco. La prima cosa da fare per una vacanza economica a Parigi è organizzarsi bene e con largo anticipo e tenere sotto controllo il budget in modo da evitare una volta arrivati di prosciugare il portafoglio nei primi due giorni. Questo chiaramente significherà avere un programma ben definito (qui trovate un itinerario completo su cosa vedere Parigi in 3 giorni). Se a questo itinerario che vi propongo aggiungete anche questi consigli su come risparmiare a Parigi, riuscirete a visitare le sue principali attrazioni spendendo poco e potrete estendere la vostra permanenza da qualche giorno fino anche ad una settimana. I consigli che troverete riguardano cibo, trasporti, alloggio e attrazioni perciò scoprirete dove mangiare low cost, come muoversi, dove dormire e cosa vedere cercando di contenere le spese. Beh che dire, buona lettura allora!

Come risparmiare a Parigi

1. Dove dormire a Parigi: meglio l’appartamento

Una delle cose più importanti per risparmiare a Parigi è scegliere bene l’hotel. Trovare hotel economici a Parigi non è proprio semplicissimo ma con un po’ di fortuna e di ricerca si possono trovare soluzioni molto convenienti. Se siete in coppia lo studio è una soluzione perfetta. Gli studio francesi, infatti, (pronunciati studiò) hanno dimensioni molto ristrette ma per due persone sono davvero la soluzione migliore. Se, invece, viaggiate in gruppo con gli spazi chiaramente non ci siamo ma potrete comunque optare per un appartamento più grande, cercando ad esempio su piattaforme come Homeaway, Homelidays ed Airbnb.

2. Dove mangiare a Parigi: fai da te, bistrot e boulangeries

Se per risparmiare sull’alloggio avete scelto di dormire in un appartamento potrete risparmiare anche sulla colazione. Al supermercato trovate tutto il necessario, latte fresco, biscotti o i più caratteristici croissant, madeleine e pain au chocolat per iniziare la giornata nel migliore dei modi. Certo, concedetevi anche una colazione in giro qualche caffè parigino perché nonostante i costi respirare l’atmosfera tipica di questi locali è da provare ameno una volta.

Allo stesso modo, affittando un appartamento avrete la possibilità di pranzare/cenare a casa senza essere costretti a spendere ogni giorno in ristoranti e trattorie. Se, invece,  durante la vostra settimana low-cost a Parigi avete deciso di alloggiare in un hotel, il mio suggerimento è quello di organizzarvi con panini e snack da tenere in borsa durante le passeggiate oppure, quando potete, approfittare dei tanti bistrot e boulangeries.

Eh sì, perché le nostre panetterie, a Parigi, sono proprio ovunque! Questo invitante tagliere, ad esempio, lo abbiamo mangiato a Le Troisième Chinon, accogliente bistrot situato nel cuore del Marais con un menu abbastanza variegato e costi decisamente contenuti per gli standard di Parigi. Se vi trovate da quelle parti, fateci un salto: è un locale anche molto vivace e colorato (con free WiFi).

mangiare_low_cost_parigi_risparmiare

3. Come muoversi a Parigi: carte Paris Visite e Carta Orange

A Parigi, acquistando la Carte Paris Visite avrete libero accesso a tutti i trasporti per un numero illimitato di viaggi. Con questa carta si può beneficiare anche di riduzioni speciali a seconda della zona in cui si “circola”. Ad esempio, la zona 1-3 ha un costo giornaliero di 8,50 euro mentre per 2 giorni il costo è di 13,95 euro. Con 18,60 euro potete usarla per 3 giorni e con 27,20 euro fino a 5 giorni.

Altro modo per fare una vacanza economica a Parigi, è muoversi low cost acquistando la Carta Orange. Questa prevede un abbonamento settimanale, che, per le zone 1-2, ha un costo di euro 16,30, mentre per le zone 1-3, di euro 19,90. In alternativa, se pensate di spostarvi principalmente con la metropolitana potrebbe essere conveniente acquistare direttamente dei carnet da 10 biglietti che costano 11,10 euro.

trasporti_low_cost_parigi_risparmiare

4. Cosa fare gratis a Parigi: dai musei alle chiese ai giardini

Se si tratta del vostro primo viaggio a Parigi potete cominciare dalla visita delle attrazioni gratuite di cui la Ville Lumiére è ricca. Tra queste rientrano diversi musei come il Musee Carnavalet nel Marais, dedicato alla storia della città, il Museo del profumo di Fragonard, il museo di Marie Curie, il MAM, museo di arte moderna con opere di grande interesse e famosi parchi storici cittadini come il Jardin du Luxembourg e il Jardin des Tuileries.

Nella nostra operazione “Parigi economica” inoltre, non possono mancare alcuni panorami davvero imperdibili e a costo zero come quello dal Sacro Cuore. Sempre gratis trovate anche il Cimitero di Pere Lachaise, il cimitero più famoso del Mondo, Notre Dame, la Casa di Victor Hugo, la Casa di Balzac, il centro commerciale delle Galeries Lafayette e tanto altro.

Se, invece, siete già stati a Parigi e per voi il prossimo viaggio rappresenta un ritorno, non perdetevi questi luoghi insoliti da visitare a costo zero, di cui le guide non parlano e che vi mostreranno un volto della Ville Lumiére diverso da quello che avete conosciuto fino a questo momento. Il numero uno ed il numero quattro sono i miei preferiti!!!

victor_hugo_casa_parigi

5. Card turistiche: Museum Pass, Pass Lib e City Pass

Per tutte le altre cose a pagamento, il modo più semplice per risparmiare a Parigi è optare per l’acquisto di una delle card turistiche. Il Paris Pass è quello più famoso ed include: Paris Museum Pass + Paris Visite + vari sconti e agevolazioni per cui, l’oltre ai trasporti, consente d ’accedere gratuitamente a più di 60 tra le principali attrazioni di Parigi. Un altro pass molto popolare è poi il Paris Museum Pass, la card che vi permette di visitare circa 60 tra i principali musei di Parigi in modo illimitato. Le tre tipologie di pass si distinguono tra loro per la durata della permanenza nella capitale francese e sono rispettivamente di 2, 4 o 6 giorni consecutivi rispettivamente al costo di 48 €, 62 € e 74 €.

Attrazioni come il Louvre, il Museo d’Orsay, Tours Notre Dame, Crypte archéologique Notre-Dame, Conciergerie , Sainte-Chapelle, Arc de Triomphe, il Panthéon sono incluse nella card. E, infine, abbiamo un’altra card molto utilizzata dai turisti il Paris Pass Lib’, emesso dall’ufficio del turismo di Parigi, che, oltre alle attrazioni, include: l’abbonamento ai mezzi pubblici di Parigi per le zone 1-3, un giorno di autobus hop-on hop-off con la compagnia Open Tour. Potete acquistare il Paris Pass Lib direttamente online.

Grazie per la tua visita! Spero di esserti stata utile. Se ti va, puoi lasciarmi un commentino qui sotto per farmelo sapere. Mi faresti felice! Ti aspetto anche su Facebook e Instagram.

1 commento su “Come risparmiare a Parigi: 5 consigli per visitare la Ville Lumière spendendo poco”

  1. Sono stata a Parigi, ma la lettura dell’articolo mi fa capire che mi sono persa tante cose interessanti; tornerò e farò tesoro di qst consigli. Grazie e complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.