Cosa vedere nel borgo di Villanova Monteleone e dintorni

Prendere e partire. Ecco perché adoro i viaggi del fine settimana, quelli in cui non c’è niente da pianificare. Nessuna valigia da preparare. Prendi e parti. Così lo scorso weekend io e mio marito, dopo colazione, ci siamo detti “ce la facciamo una gitarella?”. E siamo andati a fare un giro a Villanova Monteleone, a mezz’ora dalla città di Alghero.

La strada per arrivarci, la statale 292 Nord Occidentale Sarda, è già da sola una meta decisamente degna di nota non solo per i paesaggi meravigliosi che si incontrano tra montagne, animali al pascolo e prati verdi ma anche per le curve da capogiro. Non a caso qui si svolge la famosa “Scala Piccada”, una cronoscalata automobilistica, la più antica tra quelle sarde e la terza più antica in Italia.

villanova_monteleone_fontana_paradiso

villanova_monteleone_comune

villanova_monteleone_sardegna_murales

Il paesino di Villanova, famoso per la sua produzione tessile, l’intaglio del legno e l’intreccio dei cestini, si visita velocemente. Il fulcro è costituito dal comune accanto al quale si trova uno dei murales più caratteristici, e dalla Chiesa di San Leonardo, del sedicesimo secolo e il monumento commemorativo dedicato agli uomini di Villanova morti e dispersi in guerra.

Prima di andar via, però, passate in piazza Filomena Cherchi, un angolo di pace e di silenzio, dove vale la pena fermarsi qualche minuto per sedersi e ammirare i murales più grandi e più belli di Villanova raffiguranti uomini e donne del tempo in scene quotidiane. Bellissimo anche il dipinto con i cavalli, di cui gli abitanti di Villanova sono storicamente allevatori.

Cosa vedere nei dintorni di Villanova

Fontane e sorgenti

Villanova è ricca di fontane e sorgenti d’acqua. Tra le più importanti ci sono Su Cantaru, che si trova in cima ad una scalinata molto caratteristica (Sa Pigada ‘e su Cantaru); e quella in Piazza Generale Casula, detta per questo “Piazza Fontana”. Fuori dal paese, nella strada verso Alghero, troviamo la fontana di Su Paradisu, con una lastra in pietra su cui è incisa una poesia di Remundu Piras.

Monteleone Rocca Doria

Sebbene piccolo, ma che dire piccolissimo essendo il più piccolo del Sassarese, il borgo di Monteleone Rocca Doria è davvero molto carino e suggestivo. Oltre ai ruderi ci sono soltanto un bar e l’ufficio postale e attraversando la via principale sembra di essere catapultati in un altro mondo, dove l’unico rumore è quello dei propri passi. M è questo il suo fascino e la sua particolarità dopotutto e ciò che lo rende così speciale.

Cosa vedere a Monteleone Rocca Doria

Navigando in rete per reperire alcune informazioni aggiuntive da integrare nell’articolo, mi sono imbattuta in questa bellissima guida turistica PDF di Villanova Monteleone, in italiano e in sardo, ideata e curata dai volontari del Servizio Civile Nazionale del gruppo “Volontari per la promozione di Villanova Monteleone”, e diretta, in particolare, agli alunni delle scuole locali. Ma credo possa essere di grande utilità anche ad altri studenti italiani e alle loro famiglie per conoscere meglio il territorio. La guida, infatti, è studiata per essere interessante e formativo, facendo leva su altri particolari ed altre suggestioni.  La guida, corredata da disegni e immagini molto belli, descrive anche la storia, la società, le tradizioni, la natura di questo borgo in modo semplice e diretto ed è secondo me anche quindi un valido strumento di promozione turistica del territorio.

Clicca qui per scaricare la guida PDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.