Perché ho rifiutato un viaggio gratis a Sharm el-Sheikh

Non sono una fanatica dei viaggi “impegnati”, sia chiaro. Tuttavia, ho sempre scelto le mie mete secondo una logica in cui il tempo libero poteva essere combinato con attività interessanti quali la visita di un museo o di una galleria, una passeggiata immersa nella natura, l’escursione in una città d’arte o un borgo antico. Per questo, quando mi è stato offerto un viaggio gratis a Sharm el-Sheikh, ci ho pensato a lungo e poi ho rifiutato, preferendo un’altra collaborazione. Il perché ve lo spiego in questo post. E sì, è vero lo faccio senza neanche esserci stata ma solo per condividere il mio punto di vista, senza presunzione.

Oltre al mare, niente.

Sharm el Sheik, si sa, è conosciuta soprattutto per il suo fantastico mare, le spiagge e lo snorkeling grazie alla presenza di una splendida barriera corallina a riva. Oltre a questo, però, non c’è molto altro. Anche Sharm Vecchia non ha niente di “autentico” ma è tutta costruita a misura per il turista che, peraltro, la troverà anche abbastanza deserta di questi tempi, purtroppo. A causa della paura del terrorismo, infatti, Sharm el-Sheik è oggi una città fantasma.

Dov’è il vero Egitto?

Quando ho preso informazioni su Sharm el Sheik per decidere se andare o meno mi sono subito documentata sulla possibilità di visitare alcune delle attrazioni più belle dell’Egitto tra cui, ovviamente, le incredibili Piramidi. Beh, questo è impossibile. Sharm el Sheik è lontanissima da tutto ciò che conta a livello storico e culturale. Insomma, andare a Sharm el Sheik è come andare in Egitto senza vedere L’Egitto!

Escursioni “fake” nel deserto

Le escursioni più pubblicizzate sono quelle nel deserto. Si certo, belle. D’altronde anche le uniche. Ancora una volta, però, niente di autentico. I beduini stessi sono finti come finte sono le tende in cui accolgono il turista per il famoso tè e le bancarelle piene di collanine, braccialetti e souvenir.

Il degrado fuori dai villaggi

Mi è già capitato di trovarmi in una situazione simile a Senggigi, sull’isola di Lombok ed è stato davvero spiacevole. Nel villaggio mi sembrava di vivere fuori dal mondo, in una dimensione rarefatta e lontana dalla realtà, una realtà, come pure nel caso di Sharm el Sheik, fatta di immondizia, degrado, povertà. E non lo dico io ma tanti viaggiatori consapevoli e onesti, rientrati dal loro viaggio rattristati e delusi.

Anche il troppo relax… “stressa”

Ciò che rimane di Sharm el Sheik è, quindi, la vita da resort con il suo ritmo sempre uguale e, nonostante il mare e le spiagge, la trovo monotona. Non fa per me. Certo, un po’ di relax non dispiace a nessuno, soprattutto se si cerca “la vacanza” ma temo che anche l’eccessivo relax possa diventare stressante e probabilmente, da solo, non vale neanche il viaggio.

[UNA PICCOLA PRECISAZIONE]

Dopo aver pubblicato queste riflessioni, una pagina FB (a cui ovviamente non farò pubblicità) ha condiviso il mio post apostrofandomi come “idiota” e incitando i suoi utenti a commentare (leggi: insultarmi) sul blog, cosa che da bravi haters non hanno tardato a fare, con molto livore peraltro. A tutte le loro provocazioni non risponderò, meritano solo indifferenza come merita indifferenza chi non sa confrontarsi con gli altri in modo civile e rispettoso. D’altronde, dubito che persone così poco liberali e illuminate abbiano mai davvero viaggiato in vita loro. Namasté!

 

15 Commenti

  1. marco

    Certo che se ami sciare Sharm non va bene
    O se ami le città d’arte, Sharm non va bene
    Ma se vuoi provare l’indescrivibile emozione di vedere la barriera corallina più bella del mondo, se vuoi provare per una volta nella vita cosa sia il silenzio, se vuoi godere di un clima splendido 365 giorni all’anno, Sharm è perfetta.
    Non critico il fatto che uno possa non avere il desiderio di andare a Sharm, critico chi parla male di un posto senza conoscerlo, chi si può permettere di rifiutare un viaggio regalato quando ci sono persone che riaparmiano per un anno per permettersi quella vacanza che lei disprezza al punto di rifiutare un regalo.
    Credo avresti fatto più bella figura a rifiutare il regalo e a stare in silenzio, perchè criticare senza conoscere non è un gran sinomino di intelligenza.
    Evidentemente per la signora è una bella sboronata…. io sono quella che rifiuta i viaggi regalati.
    Si vede che le centinaia di italiani che hanno scelto di vivere in un posto che con mille difetti considerano speciale, sono grulli….

  2. Ludovica carelli

    D’accordissimo con te e lo dice una che a sharm ci è stata…! Non tornerei neanche gratis!!! Il peggior viaggio della mia vita, esattamente per le cose che hai scritto.

    1. Andrea

      Carissima amica ….almeno potevi scrivere il nome sull’articolo , primo , non Ti sei documentata bene , oltre al mare e i fondali meravigliosi , c’è anche il monastero di Santa Caterina , il detesto è magnifico ras Mohammed fantastico, Sharm vecchia è turistica di , ma quale città non Lo è ,secondo , è più pulita di Roma , e di degrado non So cosa sia , io frequento Sharm da 16 anni , è un posto meraviglioso, io la ritengo una vacanza relax con tutti i confort. Un altra cosa , voglio vedere in quale paese non Ci siano cose finte , vedi Dubai , solo xke c’è ricchezza non vuole dire che sia magnifica , Las Vegas , anche lì e ‘ tutto finto …..ecc ecc come in tutte le altre città anche a Sharm è per i turisti. Ciao

    2. Franca

      Ma avete mai provato a vivere Sharm da soli, organizzandovi al di fuori di percorsi turistici bypassando tour operator e agenzie varie e una volta sul posto salire su un taxi e andare in quei paradisi senza le urla a volte schizofreniche di turisti con l’all inclusive, cambiare giornalmente spiaggia, salire su un aereo e andare 2 gg a Luxor o Il Cairo, culle di tutte le civilta ? Solo allora potrete dire ” Sharm è una cagata pazzesca”!

      1. Francesco Pipino

        Brava
        Ci ho vissuto e lavorato per 11 anni con estrema sodfisfazione.
        Ho cambiato solo per la voglia di conoscere “altri mari”. Ci torno regolarmnte a fare immersioni.
        Tuttp il resto é spocchia.

  3. Monica Costa

    Se scegli di andare a Sharm in resort è chiaro che sarà tutto inautentico e farai escursioni fake. Ovviamente non sei un’esploratrice altrimenti avresti trovato il modo di godere dell’autenticità del posto.

  4. Floriana

    Cara, potresti passarmi il tuo viaggio gratis? Sharm è per me casa da 20 anni ma nessuna compagnia aerea mi ha ancora regalato un biglietto.
    Hai ragione a rifiutare l’offerta se non sei in grado di apprezzare.
    Lascia a noi che lo siamo le profondità meravigliose del mare ed i suoi “cromoterapici” abitanti, lasciaci la simpatia delle persone che incontri dentro e fuori l’hotel, talvolta la loro amicizia, lasciaci gli auguri di Natale in egiziano, i messaggi per sapere se stai bene, i sacchetti di cioccolatini delle mogli, lasciaci un posto in bus per andare alle Piramidi in qualche ora, prendiamo noi il tuo biglietto d’ingresso al Museo Egizio perché ci incanteremo sempre davanti ad una maschera, lasciaci l’aria del mare che si mescola a quella del deserto e cura le allergie, lasciaci quel cielo.
    Ripeto, se vuoi lasciare anche il biglietto…

  5. Pina

    Sono circa 25 anni che vado a Sharm el sheik in vacanza adoro questo luogo per il mare è tutto quello che c’è intorno esiste una bellissima moschea costruita di recente una meravigliosa chiesa ortodossa che è una magnificenza certo le piramidi sono distanti ma alla fine si tratta di un ora di volo poi poco lontano c’è il parco naturale di Ras Mohammed che è incantevole la piccola cittadina di Dahab che non è finta il canyon colorato è molto bello ed è caratterisco di in deserto non solo sabbioso ma anche roccioso e tanto tanto altro comunque forse è un vantaggio che persone come te non vadano a Sharm el sheik che è una cittadina che ha bisogno di persone che la amano e la visitano senza alcun genere di pregiudizio

  6. ligia santino

    Concordo con l’autrice del post. Io e mio marito ci siamo andati per il viaggio di nozze, una vera delusione… il mare ci è piaciuto ma solo quello. Potessi tornare indietro sceglierei qualcos’altro

  7. Umberto

    Vi leggo e mi rendo conto di quanto siete ignoranti…non sapete di cosa parlate e non conoscete per nulla il Sinai e i suoi villaggi, le sue ricchezze.
    Ma meglio così, certa gente dovrebbe solo stare a casa

  8. Duilio Lazzara

    E ‘la solita femmunista intellettualoide ignorantella anziche” no, che non viaggia se non trova il teatro o i musei. Ma pezza di imbecille , se volevi avere l’opportunità di visitare i musei o le piramidi, ti potevi pagare di persona un tour di un paio di giorni, come fanno tutti gli altri. Miserabile!

  9. Stefy Giannini

    Non ha tutti i torti dai.
    E lo dice una che a Sharm c’è stata una decina di volte, sia sola che con mamma e figlio che con marito… ma anche due volte nel vero Egitto, sul Nilo e al Cairo.
    Se uno pensa che andare a Sharm significa andare in Egitto, sbaglia.
    Io e la mia famiglia amiamo Sharm per molte cose, ma di certo a livello culturale non ha molto da offrire, e se lei ha potuto scegliere di non andare per i motivi che ha elencato le do ragione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.