Parco Mercatello di Salerno: la rinascita di uno dei parchi urbani più grandi d’Italia

La storia che sto per raccontarvi non è quella di un parco qualunque ma quella di un parco dove ho trascorso giornate interminabili tra passeggiate, jogging e relax, il Parco Mercatello di Salerno. Situato nella zona est della città di Salerno, il Parco Mercatello è stato inaugurato nel 1998 dall’allora Presidente della Repubblica Scalfaro ed è uno dei  parchi più grandi d’Italia grazie alla sua estensione di ben 10 ettari. Ma il Parco Mercatello di Salerno non sempre stato così, purtroppo.

Per passare dall’abbandono più totale ad una splendida rinascita ci sono voluti una decina di anni. Quando ero piccola la mia casa in Via Amedeo Maiuri affacciava proprio sul Parco Mercatello di Salerno o meglio su quello che lo sarebbe diventato perché prima del 1998 questo spazio verde era nel degrado più totale e per degrado non intendo sporcizia o meglio non solo quella. Parlo, soprattutto, di pericolosità. Il quartiere di Mercatello ed, in particolare, la zona del parco non godeva di buona fama.

La mancanza di illuminazione e di controlli lo rendevano il ritrovo perfetto di tossicodipendenti, spacciatori e prostitute nonché di altri personaggi loschi e poco raccomandabili. Spesso, di sera, venivamo spaventati da urla e lamenti provenienti dal buio della radura. Alcune volte duravano poco, altre volte eravamo costretti a chiamare quello che fino al 2015 era il 113, il numero della polizia di stato. Ricordo come se fosse ieri una di queste sere in cui, in attesa dell’ambulanza, mio padre era sceso a soccorrere un tossicodipendente in overdose da eroina.

Poi, finalmente, qualcosa è cambiato e un anno dopo esserci trasferiti in questa zona, sono iniziati i lavori di riqualifica dell’area verde e, soprattutto di bonifica del corso d’acqua che ancora lo attraversa. Oggi, a distanza di molto tempo dalla sua creazione, il Parco Mercatello di Salerno non è più lo stesso e nel corso degli ultimi anni, ci sono stati molti interventi di restauro. Al posto del laghetto che c’era all’inizio, troverete un grande prato verde ed, in sostituzione del canale artificiale,  sono stati realizzati due comodi tratti pedonali.

Rimane immutata, invece, l’area dell’orto botanico con diverse specie di piante, i porticati e le panchine maiolicate, tutti i percorsi, le fontanelle e l’area del parco giochi e quella dedicata di recente allo sgambamento per i cani. Se avete tempo, tra le cose da vedere a Salerno, metteteci anche questo parco. Potete organizzare un pic nic oppure rilassarvi tra fiori e aiuole con una piacevole passeggiata e magari prendere parte ad uno dei numerosi eventi, spettacoli di teatro e concerti di musica dal vivo che si svolgono ogni anno, soprattutto nelle sere d’estate, quando il caldo diminuisce e l’aria si rinfresca.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.