Quante fotografie suggestive scatta l’occhio umano nell’arco di una vita e quante ne scatta la macchina fotografica! La notte per molti è il momento migliore per catturare attimi e renderli eterni. Non è possibile restare indifferenti di fronte ad un paesaggio notturno come questo! Si ripropone di cogliere le nostre città “al buio” Dark city, l’esposizione fotografica di Daniele Cametti Aspri.

In questa mostra. invece delle solite foto di giorno, l’istrionico Daniele Cametti fondatore della rivista cinematografica professionale Acting News e grande appassionato di comunicazione, grafica ed immagine oltre che di fotografia ha così voluto dare spazio all’oscurità e alle ombre delle grandi capitali europee avvolte nel silenzio del buio.

In questo modo i luoghi immortalati come avvolti dal paesaggio notturno regalano sensazioni uniche ed emozioni. Il bianco e nero ispira magia e mistero e questo attrae e affascina lo spettatore e preservare la città dal ritmo frenetico e dall’inarrestabile evolversi della nostra società.L’idea dell’allestimento a lume di candela, poi, rende tutto ancora più speciale come racconta lo stesso organizzatore:

L’atteggiamento di avvicinamento e di spostamento nello spazio crea un rapporto personale ed emotivo con l’immagine con cui ci si rapporta. Questa attenzione e coscienza può svegliare e stimolare l’interesse rispetto all’opera dell’artista, inoltre il tipo di installazione si presta perfettamente alle immagini di cui è composto “Dark Cities”. E’ un azzardo? forse. E’ una mostra suggestiva? Sicuramente.

Scritto da:

Marianna Norillo

Viaggio, scrivo, sogno. E poi ricomincio. Perché viaggiare è come vivere più vite in un solo corpo. Scrivere significa viaggiare anche quando il viaggio finisce. Sognare dà forma a nuovi viaggi e nuovi racconti e, viaggio dopo viaggio, racconto dopo racconto, il mondo cambia.