Weekend on the road: gita tra Villanova e Monteleone Rocca Doria

Prendere e partire. Ecco perché adoro i viaggi del fine settimana, quelli in cui non c’è niente da pianificare. Nessuna valigia da preparare. Prendi e parti. Così lo scorso weekend io e mio marito, dopo colazione, ci siamo detti “ce la facciamo una gitarella?”. E siamo andati a fare un giro a Villanova Monteleone, a mezz’ora dalla città di Alghero.

La strada per arrivarci, la statale 292 Nord Occidentale Sarda, è già da sola una meta decisamente degna di nota non solo per i paesaggi meravigliosi che si incontrano tra montagne, animali al pascolo e prati verdi ma anche per le curve da capogiro. Non a caso qui si svolge la famosa “Scala Piccada”, una cronoscalata automobilistica, la più antica tra quelle sarde e la terza più antica in Italia.

villanova_monteleone_fontana_paradisovillanova_monteleone_comunevillanova_monteleone_sardegna_murales

Il paesino di Villanova, famoso per la sua produzione tessile, l’intaglio del legno e l’intreccio dei cestini, si visita velocemente. Il fulcro è costituito dal comune accanto al quale si trova uno dei murales più caratteristici, e dalla Chiesa di San Leonardo, del sedicesimo secolo e il monumento commemorativo dedicato agli uomini di Villanova morti e dispersi in guerra.

Prima di andar via, però, passate in piazza Filomena Cherchi, un angolo di pace e di silenzio, dove vale la pena fermarsi qualche minuto per sedersi e ammirare i murales più grandi e più belli di Villanova raffiguranti uomini e donne del tempo in scene quotidiane. Bellissimo anche il dipinto con i cavalli, di cui gli abitanti di Villanova sono storicamente allevatori.

monteleone_rocca_doria_castello_doriamonteleone_rocca_doria_sardegnamonteleone_rocca_doria_chiesa_antonio_abate

Da Villanova ci dirigiamo adesso verso Monteleone Rocca Doria, un altro piccolo borgo medievale a circa 15 minuti di tragitto in auto, famoso per la sua posizione arroccata sulla sommità di Su Monte da cui si può ammirare il meraviglioso panorama sulla valle del fiume Temo. Impossibile non sentirsi felici di fronte a tanta bellezza!

La vista, comunque, pur essendo stato il pezzo forte della gita fuori porta, non è l’unico aspetto interessante di Monteleone Rocca Doria. Le rovine del castello appartenuto alla famiglia genovese dei Doria, raccontano e testimoniano la storia e le origini nobili di questo paese che con i suoi 126 abitanti è uno dei più piccoli della Sardegna .

monteleone_rocca_doria_naturamontelone_rocca_doria_sardegna_lago_temo.1gita_monteleone_rocca_doria_sardegna

Prima di andare via ci fermiamo a dare uno sguardo alla Chiesa di S. Antonio Abate  tra il paese e la cima del monte,  edificata nel XII secolo in stile gotico-romano, con un bel rosone centrale  e il delicato fregio scolpito sopra il portale. Accanto si trovava, invece, l’antico cimitero ora incolto e abbandonato e trasferito ormai nella più vasta area posta proprio di fronte all’edificio.

Per altre foto, segui l’hashtag #mylifeinsardegna sul mio profilo Instagram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.