Viaggio in Sicilia sotto l’ombra dell’Etna

In basso la costa sicula sfuma verso Catania; lo Stretto splende d’azzurro e i monti di Sicilia si levano da ogni parte con inattesi profili. E su tutti grandeggia candido l’Etna, la Montagna per antonomasia, a ricordare la potenza del fuoco che, oltre le vicende degli uomini, è la vera, immortale anima dell’isola.

Carlo Picchio

Chi si reca nella bellissima Catania deve assolutamente destinare almeno mezza giornata alla visita di una parte dell’Etna, il vulcano più alto attivo d’Europa. L’Etna è imponente, onnipresente, e in fase di eruzione può sembrare minaccioso, i suoi continui boati si avvertono nitidamente anche dai paesi limitrofi! Io la prima volta mi sono spaventata!! E’ possibile effettuare escursioni fai da te o usufruire di uno degli innumerevoli pacchetti proposti da TO.

C’è n’è per tutti i gusti, percorsi avventurosi, trekking, viste in jeep, escursioni di mezza giornata o giornata intera, si tratta davvero di tour che si modellano in base alle vostre esigenze e soprattutto adatti ad adulti e piccini! Personalmente credo che luoghi del genere per essere compresi fino in fondo nella loro bellezza, abbiano bisogno di voci esperte e quindi mi sono affidata completamente alla guida competente e simpatica di una piccola associazione.

La guida ci è venuta a prendere fin sotto il nostro B&B (e non è poco direi) alle 8 del mattino e ci ha riaccompagnati a casa a fine giornata! L’escursione prevedeva una bella passeggiata attraverso sentieri naturalistici di particolare bellezza all’interno della riserva del Parco dell’Etna. La guida ci ha coinvolti in un racconto entusiasmante sugli innumerevoli aspetti naturali e vulcanologici della zona.

etna_eruzione_vulcanica_vulcano_sicilia

E’ incredibile pensare che massi della grandezza di diverse tonnellate siano stati catapultati fuori dalla bocca del vulcano per chilometri e chilometri, è affascinante osservare dall’alto come la lava abbia occupato territori così ampi, quanto la vegetazione nel corso dei secoli si sia a poco a poco riappropriata di parte di questi di luoghi, ma soprattutto come l’uomo abbia imparato a convivere e interagire con “la montagna” , come la chiamano qui!

L’Etna visto da Catania e dagli altri paesi limitrofi è senza dubbio imponente ma è sconcertante avvertire lo stesso senso di imponenza anche dall’alto! E’ veramente uno spettacolo bellissimo! Tutt’intorno a varia distanza bocche laterali assopite o meno, disegnano i contorni di paesaggio unico. Dopo una passeggiata di circa km siamo giunti alla Valle del Bove.

Non si può visitare l’Etna senza fermarsi alla Valle del Bove! E’ un’ampia conca, delle dimensioni di diversi chilometri, che si trova sul versante orientale del vulcano, si tratta in pratica di due crateri antichissimi, probabilmente molto più alti dell’attuale vulcano divenuti così grandi da sprofondare su se stessi, ad oggi per fortuna la maggior parte delle attività vulcaniche si riversa in questa valle.

catania_stretto_messina_etna_panorama

Affacciarsi alla valle del bove significa rivolgere lo sguardo ad un paesaggio lunare, le varie stratificazioni vulcaniche, nettamente distinguibili la fanno da padrona. Da questo punto è anche possibile vedere lo stretto di Messina e la Calabria, davvero una grande emozione! Abbiamo poi esplorato una grotta vulcanica. L’Etna è ricco di grotte di scorrimento lavico formatesi nel corso delle escursioni che hanno lunghezza e profondità diversa; armati di caschetto e luci da speleologo, ci siamo calati in tutta sicurezza in questi condotti.

Osservando le pareti è possibile riscontrare il passaggio della lava talvolta rapido e impetuoso, e in tal caso si riscontrano delle striature sulla superficie delle pareti, altre volte lento e pieno di bolle di aria e gas il cui scoppio è documentato da segni evidenti lasciati sulle mura. Ma la conclusione top della giornata è stato il pic nic organizzato dall’associazione stessa a base di prodotti tipici siciliani di ottima qualità!

Salumi, formaggi, pomodorini pachino, funghi e carciofi arrostiti, pizze, e vino! Il tutto consumato in allegria sotto l’ombra del vulcano. Nonostante il suo aspetto minaccioso “la Montagna” accoglie il visitatore nel migliore dei modi, non si tratta di una semplice escursione ma di viaggio che coinvolge i cinque sensi, e in più a fine giornata c’è un grande senso di soddisfazione, gioia e stupore, per quanto di bello la natura continua a regalarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.