Nel verde di Aarhus: una visita al Marselisborg Mindeparken

Quando si dice “una domenica al parco” e se poi il parco è il Marselisborg Mindeparken di Aarhus (di cui parlo qui) e se la domenica, pur essendo novembre, non è molto fredda, non c’è altro che si possa desiderare. Il perché è facile da capire: il Mindeparken, anche conosciuto come Memorial Park, è davvero bello. Per la sua grandezza potrebbe volerci un giorno per girarlo tutto e, infatti, ci abbiamo trascorso diverse ore.

memorial_park_aarhus_Marselisborg_Mindeparken

Nel Memorial Park c’è molto da visitare ed esplorare a partire dal Memoriale ai caduti della Prima Guerra Mondiale, un monumentale muro che porta incisi i nomi di 4,144 danesi dello Jutland del sud che hanno perso la vita prestando servizio durante la “Grande Guerra“. Andate a vederlo, è impressionante. Il fatto, poi, che non ci siano folle di turisti invasati mantiene l’atmosfera particolarmente sobria, così come dovrebbe essere.

Tutto il parco nel suo complesso è veramente affascinante. Non so come appaia nelle altre stagioni, ma in autunno, con le foglie degli alberi che si colorano di rosso, la pace, il silenzio, gli spazi immensi e solitari ha qualcosa di magico. Ad un certo punto del giro, mi sono ritrovata davanti ad un paesaggio così bello da sembrare un dipinto e la foto era d’obbligo come era d’obbligo lo scatto alla casa tradizionale danese nella prima foto.

aarhus_Marselisborg_Mindeparken_autunno

Ma in questo meraviglioso polmone verde di Aarhus c’è anche altro da vedere. Sto parlando del Marselisborg Palace, in danese Marselisborg Slot, il palazzo utilizzato dalla famiglia reale danese come residenza estiva fin dal 1967, situato nelle immediate vicinanze del parco. Purtroppo, non è possibile accedere al suo interno e solo il Queen’s rose garden è al pubblico, quando la famiglia reale non si trova al Palazzo.

aarhus_danimarca_Marselisborg_Palace

Se, invece, la famiglia reale danese è al Palazzo potrete assistere alla cerimonia del cambio di guardia delle Guardie Reali, puntuale alle ore 12:00. Quando ci sono andata io, essendo novembre, non ho trovato nessuno ma, in compenso, il gabbiotto era vuoto e ci siamo intrufolati per scattare qualche foto. Un luogo incantevole… e pensare che a rendere possibile la costruzione del Palazzo sono stati i contribuiti dei singoli cittadini e di città limitrofe come Vejle.

Dopo lo stop al Palazzo, abbiamo attraversato il parco del Marselisborg Palace, progettato nel tipico stile paesaggistico inglese. Qui, tra i prati verdi, i piccoli stagni ed i leggeri pendii coperti di arbusti, si trova la più grande collezione di sculture artistiche appartenenti alla Casa Reale. Se ne contano almeno 30 tra cui un vaso di cinque metri di altezza realizzato da Peter Brandes e le opere di artisti come Piet Hein, Robert Jacobsen, Poul Isbak e Jens Flemming Søren.

Per la gallery completa seguite l’hashtag #myjutlandia sul mio profilo Instagram!

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.