Dormire a Parigi low cost: perché un appartamento è meglio di un hotel

Molti vanno a Parigi, ma pochi ci sono stati.

Francesco Algarotti

Guardando i prezzi degli hotel, dormire a Parigi low cost sembrava impossibile! Anche i meno quotati, più vecchiotti e poco centrali erano carissimi e a poco serve il volo Ryanair a 30, 40, 50 euro se poi ne devi sborsare 300 solo per dormire un weekend. Perché non è che il costo di un viaggio è volo+hotel. Ci devi aggiungere i trasporti, mangiare fuori, gli acquisti, l’ingresso a musei e gallerie. Tutto questo ha un costo che può essere più o meno accessibile e a Parigi non sempre lo è e trovare il modo di dormire a Parigi low cost diventa una strategia fondamentale.

Che poi io quando viaggio ho solo una cosa in mente: vedere, vedere, vedere più cose possibili! Me ne frego dei piedi che fanno male o delle file per entrare ai musei e rientro in hotel solo quando sono completamente sfatta e ho già visitato tutto il visitabile. Proprio per questo dover pagare tanto per un alloggio che uso quasi solo per dormire mi rode e non poco. Così, quest’anno, ho prenotato il mio soggiorno in un monolocale che i francesi chiamano studio (con l’accento sulla o che non si vede ma si sente).

Prezzi (più) bassi

Un appartamento è l’ideale per dormire a Parigi low cost per un sacco di motivi. Il prezzo di una notte per una camera matrimoniale in un buon hotel, centrale, pulito e con bagno in camera  è di almeno 70 euro. Al di sotto di questa cifra e con gli stessi requisiti è difficile trovare un alloggio e se lo trovi controlla bene le condizioni. A meno che non sia un’offerta speciale, nasconderà di certo qualche pecca. Con un appartamento puoi risparmiare anche 20 euro al giorno. Io ho speso 50 euro a notte per dormire a Parigi (ed eravamo in due), e, oltre ai comfort di un hotel, ho trovato altri vantaggi.

Lo studio ha la cucina

Innanzitutto, uno studio ti fa risparmiare e dormire a Parigi low cost! Perché? Perché ha la cucina! E ti sembra poco poter fare la spesa e cucinarsi un piatto di pasta a casa, invece di spendere ogni giorno mangiando in bistrot e ristoranti? Ti sembra poco poter fare colazione anche a casa senza dover spendere ogni giorno 7 euro per un cappuccino e un croissant? E non sto dicendo che devi rinunciare al piacere di una colazione in un Café parigino! Però, essere costretto a farlo sempre può essere un costo aggiuntivo e non necessario o che semplicemente non puoi permetterti di affrontare. Invece con un appartamento puoi andare a comprare latte e biscotti o gli stessi croissant al supermercato e mangiarli a casa, con calma senza dover spendere sistematicamente quelle cifre.

Privacy e libertà

Un altro motivo per cui ti consiglio un monolocale per dormire a Parigi low cost, invece di un hotel, è la privacy. Affittando un appartamento non devi dar conto a nessuno dei tuoi movimenti, entri ed esci quando ti pare. Quante volte alla hall del vostro albergo ti hanno chiesto di lasciare la chiave o la scheda per poi riprenderla al ritorno? Non sempre succede ma quando succede è un po’ una rottura, diciamocelo. Niente di grave, però, se potessi sempre scegliere preferirei avere le chiavi di “casa” a portata di mano, poter uscire anche solo per comprare qualcosa e rientrare, senza tener conto del personale all’ingresso o di altri ospiti.

Dormire_Parigi_lowcost_risparmiare_appartamento

È come essere a casa

Infine, aspetto di non poca importanza, dormire a Parigi low cost in un appartamento ti fa sentire a casa. Ad alcuni non piace questa espressione “sentirsi a casa” quando si usa in relazione ad un’esperienza di viaggio. “Se avessi voluto sentirmi a casa, ci sarei rimasta” direbbe qualcuno. Ma per me sentirsi a casa è più di questo: significa sentirsi a proprio agio in un contesto che non è quello quotidiano. Significa ritrovarsi in situazioni mai vissute prime, con persone mai viste prima, di cui non conosciamo bene usanze e costumi. Credo, perciò, che avere una casa in cui svegliarsi, mangiare e andare a letto sereni sia importante per fare in modo che il nostro viaggio, oltre a regalarci emozioni nuove, ci trasmetta anche un po’ di quella familiarità e di quel calore che abbiamo lasciato.

Dormire a Parigi low cost è possibile… e conviene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.