Nelle calette dell’isola Asinara i pesci ti fanno “Ciao!”

I pesci non sono fatti per vivere rinchiusi. L’acquario ti cambia dentro.

Alla ricerca di Nemo

Visitare l’isola Asinara è un must per tutti gli amanti della natura selvaggia e incontaminata e per chi sogna le isole caraibiche ma non può permettersi di andarci. Io ho avuto la fortuna di visitare l’Asinara con un tour a bordo di una jeep ed è stato fantastico! Tra le varie tappe una sosta relax per fare il bagno. E non un bagno qualsiasi ma nel paradiso. All’isola dell’Asinara questo paradiso si chiama Cala Sabina.

Fare il bagno all’Asinara: si può?

Badate bene: sostare sulla Spiaggia di Cala Sabina ci è stato concesso solo perché eravamo all’interno di un percorso organizzato. Sarebbe impossibile andare all’isola Asinara da soli e fare un tuffo… da qualsiasi parte! Per fare il bagno all’Asinara, infatti, bisogna prenotare una visita autorizzata e/o organizzata dal Parco nazionale oppure, in alternativa, una comoda gita in barca. Questa mini crociera in barca in barca a vela, ad esempio, comprende un’escursione a piedi, il supporto di uno skipper e di una guida turistica, pranzo e 2 soste di nuoto, 1 dalla barca e 1 sulla spiaggia.

Come arrivare legalmente all’Asinara

L’unico modo legale per arrivarci è da Stintino o Porto Torres in traghetto (io mi sono imbarcata dal molo di Tanca Manna,a Stintino) e una volta arrivati sull’Asinara avrete la possibilità di scegliere escursioni di vario genere (a piedi, sul trenino elettrico, su pullman, su fuoristrada). In base al tipo di percorso scelto, potrete attraversare l’isola da nord a sud e fare diverse soste per visitare, ad esempio, l’ex carcere e fare il bagno dove consentito.

Isola Asinara: mare, natura e storia

L’Asinara, oltre ad una splendida destinazione turistica, resta un parco nazionale la cui flora e fauna vanno gelosamente protette. Ma l’isola Asinara non è solo natura ma anche storia. Rimasta chiusa al pubblico fino al 1999, l’Asinara è stata sede di un penitenziario attivo fin dagli Anni di piombo per la reclusione di membri delle Brigate Rosse. Deportati sull’isola per evitare ogni possibile contatto con l’esterno. erano internati in celle di massima sicurezza.

asinara_isola_sardegna_jeep

L’Asinara diventa un Parco Nazionale

L’isolamento forzato cui il territorio è stato costretto ha avuto un aspetto positivo, ovvero quello di preservare gran parte dell’ambiente naturale dell’isola, evitando la cosiddetta cementificazione, e permettendo la nascita nel 1997 del Parco Nazionale dell’Asinara. Pur con le sue limitazioni, quindi, visitare l’isola Asinara è un must per tutti gli amanti della natura selvaggia e incontaminata e per chi sogna le isole caraibiche ma non può permettersi di andarci.

cala_sabina_asinara_tour

Cala Sabina: un bagno in Paradiso

Resta inteso che quest’isola non ha niente da invidiare a quelle oltreoceano a partire dalla ricca vegetazione e dalla presenza di specie animali molto rare. Io della mia meravigliosa sosta a Cala Sabina ricordo il mare incantevole, la spiaggia soffice, la natura silenziosa attorno a me e, tra queste memorie, hanno un posto speciale anche le creature che popolano i suoi fondali marini: i pesci! Penso di non aver mai visto in tutta la mia vita pesci così grandi e così socievoli.

All’isola Asinara i pesci ti fanno “Ciao!”

Sarà stata l’atmosfera da sogno, il mare incantevole, la spiaggia color avorio così bella da non sembrare reale ma a me i pesci dell’isola Asinara sembravano pesci di un altro mondo, avevano un qualcosa di unico. Appena entrata in acqua mi sono venuti incontro, quasi come volessero dirmi “Ciao, benvenuta!”. Mi giravano attorno sicuri, tranquilli ed erano tanti di tutti i colori e le varietà. Erano tranquilli perché sapevano che quella era la loro casa, il mare era il luogo dove vivevano. Perché avrebbero dovuto temere noi umani, semplici “ospiti” in casa loro?

Per altre foto della Sardegna, segui #mylifeinsardegna sul mio profilo Instagram!

2 Commenti

  1. Anny

    Brava, Mary! Attenzione perché a volte le belle descrizioni (miste ad emozioni) sortiscono due effetti: essere soddisfatti oppure non vedere l’ora di visitare quei luoghi; forse meglio scegliere la seconta opzione! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.