Se la destinazione del tuo prossimo viaggio è l’isola di Malta, non puoi non visitare la sua anima gemella, ovvero Gozo, seconda isola per superficie dell’arcipelago maltese. Viene anche chiamata Calipso secondo un’antica leggenda. Se raggiungerla è semplicissimo, dimenticarsela è alquanto difficile.

Per chi decide di visitarla avendo a disposizione un solo giorno, l’ideale è prenotare un tour in autobus sul SightseeingQuesto bus consente di scendere ad ogni fermata, dove puoi visitare, fotografare e mangiare anche un boccone, per poi risalire di nuovo a bordo dell’autobus successivo; e cosi via per ogni punto d’interesse.

Inoltre puoi soffermarti maggiormente su di un sito rispetto ad un altro senza alcun problema. La frequenza con cui passano questi autobus è di circa 45 minuti, un tempo accettabile per una toccata e fuga. Il sali e scendi è molto bello ed interessante, adatto a chi vuol vivere fino in fondo l’isola.

malta_gozo_bus_tour_Sightseeing

Il costo del biglietto è di 20 euro a persona, valido per l’intera giornata.  A bordo hai la possibilità di ascoltare l’audio in ben 16 diverse lingue, compreso l’italiano. Un servizio efficiente e comodissimo, in quanto visitare Gozo con un pullman di linea è difficile: richiede tempo e familiarità con le fermate.

Arrivare presto sull’isola significa avere maggior tempo a disposizione dato che l’ultimo bus per il ritorno al porto è alle 15:00 La partenza è alle 9.00 nei pressi del porto di Mgarr; da qui si effettueranno ben 14 fermate, partendo dal Museo marittimo fino ad arrivare al villaggio di Xewkija.

Le fermate intermedie sono tutte da ammirare: scendi nella splendida capitale di Gozo, Victoria e fermarti sulle spiagge più belle di Xlendi Bay e Marsalforn Bay. Un servizio davvero impeccabile, dove in poche ore visiti questa fantastica e tranquilla isola, lontani dalla più frastornata e caotica Malta.

Per la gallery completa, segui l’hashtag #30yrsamalta sul mio profilo Instagram!

Scritto da:

Marianna Norillo

Viaggio, scrivo, sogno. E poi ricomincio. Perché viaggiare è come vivere più vite in un solo corpo. Scrivere significa viaggiare anche quando il viaggio finisce. Sognare dà forma a nuovi viaggi e nuovi racconti e, viaggio dopo viaggio, racconto dopo racconto, il mondo cambia.