Gozo in meno di 24 ore: cosa vedere sull’isola di Calipso

Sulle città cosparse quelle luci sembrano un altro cielo pieno di astri che pascolano sulla terra un mare sembrano quelle luci un mare di argento che bacia le sponde.

Karmenu Vassallo

Arrivare a Gozo, l’isola di Calipso, è abbastanza semplice. Basta arrivare a Cirkewwa, il punto più a nord di Malta. Io ho preso il bus 221 in partenza dal capolinea di Bugibba che in 50 minuti circa porta a destinazione. Da qui ci si può imbarcare sul prima traghetto per Gozo (meglio studiarsi gli orari direttamente qui). Il biglietto costa circa 5 euro a/r ed il traghetto impiega 25 minuti per raggiungere Mgarr, il porto di Gozo.

Un giorno a Gozo: cosa fare e vedere

Around Gozo by bus

gozo_Sightseeing_bus_tour

Da qui avete diverse possibilità. L’isola è piccolina ma le cose da vedere sono tante e in un giorno non c’è il tempo per fare tutto per cui vi consiglio di scegliere in questo elenco delle cose da vedere a Gozo le vostre preferite e ci organizzare il viaggio in base agli spostamenti necessari. Noi, oltre a poter accedere ai bus turistici della compagnia Malta Sightseeing, grazie alla collaborazione con l’Ente del Turismo Maltese, abbiamo preso un day ticket per girare con i mezzi tranquillamente, tutto il giorno senza limiti e ci è stato molto utile. D’altronde costa soltanto 1.50 euro!

Pastizzerie: bontà e convenienza

pastizzerie_malta_gozo_pastizzi

La nostra prima destinazione è Ir-Rabat, la capitale di Gozo con la sua meravigliosa cittadella annessa ma, prima di avventurarci alla scoperta delle attrazioni principali, ci fermiamo a mangiare qualcosa in una delle pastizzerie locali che, nelle loro enormi vetrine, espongono decine di tipi diversi di focacce, sfoglie, pizze ecc. Tra queste bontà, i pastizzi sono una vera specialità, a base di saba (ricotta) o con purea di Piselli, veramente molto buoni ed economici: i più economici li ho trovati proprio a Gozo, a 0,25 cent l’uno!

Ir-Rabat (Victoria), la capitale di Gozo

Ir-Rabat_Victoria_capitale_gozo_basilica_saint_george

Dopo la sosta golosa, proseguiamo la visita di Ir-Rabat, anche nota come Victoria, nome conferito alla città nel 1887, in onore del giubileo d’oro della regina britannica famosa. Il centro cittadino è Pjazza Indipendenza, dominata dalla Banca Giuratale, attualmente sede del Consiglio locale di Gozo. Alle spalle di questa, si trova la magnifica Basilica di St. George circondata da antichi vicoli e caratteristiche stradine. Dopo la visita di Victoria, arriviamo alla cittadella, fulcro delle attività dell’isola forse già dal Neolitico, attraverso una lunga salita.

L’Antica Cittadella

cittadella_gozo_malta_rabat

La cittadella, denominata anche Citadella o Kastell, sorge su un punto molto strategico, proprio al di sopra di Rabat ed è una tappa imperdibile! Molto affascinanti sono anche i suoi numerosi musei che, per questo, meritano una visita. Una volta entrati nella Cittadella, ad accoglierci è la maestosa Cattedrale di Gozo, edificata tra il 1697 e il 1711. Salendo le scale sulla sinistra, invece, si raggiungono i bastioni fortificati dai quali si gode una vista mozzafiato a 360° delle colline e della vallate di Gozo.

Finestra Azzurra e Fungus Rock

finestra_azzurra_azure_window_gozo

Terminata la visita alla Cittadella, corriamo (letteralmente) a prendere un bus per raggiungere la famosa Azure Window, una finestra di roccia che affaccia sull’azzurro del mare e la Fungus Rock. una suggestiva roccia in mezzo al mare caratterizzata dalla presenza di un raro fungo rosso, da cui deriva il suo nome. Il tempo di mangiare un gelato e andiamo ad ammirarla. L’acqua è bellissima e quest’apertura nella roccia rende lo scenario davvero unico. Chiamata in maltese Tieqa Zerqa, questa finestra è in realtà un arco naturale formatosi migliaia di anni fa in seguito al crollo di due grotte calcaree.

Ramla Bay e la Grotta di Calipso

spiaggia_ramla_bay_gozo

Altra tappa da non perdere è la spiaggia di Ramla Bay. la più famosa spiaggia sabbiosa dell’isola di Gozo, caratterizzata da sabbia fine di un colore rossastro e non a caso tra i locali è più nota come “Ramla il-Ħamra”, ovvero “Spiaggia di Sabbia Rossa“! Si trova lungo la costa settentrionale di Gozo, dove sorge un’altra delle mete più gettonate dell’isola, la Grotta di Calipso. dove la bellissima ninfa Calipso tenne Ulisse come “prigioniero d’amore” per sette anni. Secondo la leggenda, infatti, Gozo dovrebbe corrispondere all’antica isola di Ogigia!

calipso_cave_grotta_gozo

Ramla Bay merita senz’altro uno stop. Perfetta per nuotare, fare snorkeling o semplicemente rilassarsi al sole, questa spiaggia è la meta ideale per gli amanti del mare e per concedersi qualche ora di riposo, reso ancora più dolce, dal suo contesto semplice e primitivo, nonostante il bar e un chiosco dove è possibile fermarsi a mangiare o bere qualcosa di fresco. Io non avevo molto tempo a disposizione da dedicare a questa tappa ma sono riuscita a godermi il sole e anche a fare un bel bagno, il primo della stagione estiva. L’acqua è limpidissima!

ramla_bay_gozo_spiaggia_calipso

Insomma altro che sorella minore di Malta! A Gozo non ci si annoia affatto e per visitarla con calma ci vorrebbe almeno un weekend! I posti in cui andare e le cose da fare sono davvero tante ma se avete anche solo un giorno il mio consiglio è questo: andateci e visitate il più possibile. Ne vale davvero la pena! Vi lascio con una bellissima frase dello scrittore maltese Karmenu Vassallo e spero che questo itinerario possa servirvi e aiutarvi a scegliere cosa vedere a Gozo, avendo a disposizione meno di 24 ore!

Per la gallery completa, segui l’hashtag #30yrsamalta sul mio profilo Instagram!

4 Commenti

    1. Hai ragione Marco, ho corretto. Non me n’ero mai accorta. Sembra che io abbia invertito “sti” con “zzi” di “pastizzi”. Vai a capire perché! La mente funziona in modo strano, a volte. Grazie per avermelo segnalato e per gli apprezzamenti.

  1. lauren

    Bellissimo post Marianna! Gozo è veramente un’ isoletta meravigliosa. Ho trascorso delle vacanze indimenticabili, peccato per l’Azure Window che non esiste più 🙁 la cala resta comunque bellissima, forse una delle migliori dell’isola è quindi da visitare assolutamente!! (anche perché fa parte delle varie location di Games of Thrones)…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.