#EstateCatalana: il mio itinerario di una settimana in Catalogna

La Catalogna è stata la meta del mio primo viaggio in Spagna. Una regione bellissima, anche abbastanza vicina all’Italia, con luoghi davvero interessanti da visitare, sia sulla costa che all’interno. Voglio condividere con voi il mio itinerario di una settimana in Catalogna. Che, in realtà, pur trovandosi nel territorio spagnolo, ha un’identità culturale unica, che la rende un mondo a parte rispetto alla Spagna, da cui cerca da molto tempo di diventare indipendente. Se state programmando un viaggio da queste parti, questo articolo su cosa vedere una settimana in Catalogna vi tornerà sicuramente utile.

Cosa vedere una settimana in Catalogna

Prima tappa: Girona

Il mio itinerario in Catalogna non potrebbe non partire dalla città di Girona, gioiellino medievale e vitale città d’arte considerata la porta d’ingresso alla Costa Brava. Questa città, importante snodo Ryanair viene quasi sempre ignorata, e bypassata dai turisti che la lasciano frettolosamente per raggiungere la più famosa Barcellona. In realtà a me è piaciuta moltissimo e ho trovato molte cose da fare e da vedere durante il mio soggiorno… e poi è qui che ho assaggiato le mie prime tapas.

Da non perdere:

  1. Rambla di Girona
  2. Pont de pedra e Pont de ferro
  3. Barri Vell di Girona
  4. El Call, il quartiere ebraico
  5. Passeig Arqueològic
Cosa vedere a Girona in un giorno

Dove dormire a Girona

Pensiò Viladomat

Se state pensando di allungare il vostro viaggio e fermarvi a Girona l’ideale è trovare un alloggio centrale facile da raggiungere che vi consenta di girare a piedi. Io ho alloggiato una notte alla Pensiò Viladomat, nel centro storico di Girona. Un alloggio molto semplice ma super conveniente, con prezzi a camera a notte a partire da 46 euro (con bagno in comune) e 57 (con bagno privato). Date un’occhiata!

Seconda tappa: Barcellona

Secondo stop, Barcellona, of course! Quanto ne ho sentito parlare vivendo ad Alghero, nota come la Barceloneta, proprio per il gemellaggio delle due città in nome della “catalanità”. Ma Barcellona è molto più di questo. Pensate che qualcuno la paragona addirittura a New York per quel particolare fermento culturale ed artistico, la sua energia, il suo multiculturalismo. Inoltre, pur essendo la seconda città della Spagna non ha nulla da invidiare a Madrid con cui, infatti, contende da sempre il ruolo di capitale turistica della Spagna.

Da non perdere:

  1. Las Ramblas
  2. Barrio Gotico
  3. Sarrià-Sant Gervasi
  4. Sagrada Família
  5. Parc Güell
  6. Centro El Born
  7. Collina del Montjuïc
  8. Quartiere El Raval
Cosa vedere a Barcellona in 4 giorni

Dove dormire a Barcellona

Hostal Operaramblas

Se state cercando un hotel dove dormire a Barcellona, vi suggerisco l’Hostal Operaramblas, dove ho soggiornato anche io. A me è piaciuto, in primis per la location centralissima e anche per i costi, non troppo elevati, pur essendo in pieno centro. Dai 60 euro a notte in bassa stagione.

Terza tappa: Malgrat de Mar

Terzo stop di questo viaggio in Catalogna è stato Malgrat de Mar, una località che si trova sulla zona costiera a ridosso di Barcellona, meglio nota come Costa Maresme. Non ha la stessa fama della vicina Costa Brava ma è sicuramente una parte della costa catalana molto autentica e selvaggia, lontana dal solito turismo di massa, oggi diventato molto rumoroso e caotico. Il tempo che abbiamo trascorso qui è stato davvero piacevole e, purtroppo, tra mare, spiaggia e passeggiate è praticamente volato.

Da non perdere:

  1. Chiesa di St Nicolau
  2. Torre e parco El castell
  3. Parc Francesc Macià
  4. Carrer Sant Esteve
  5. La Pelu del Carrer de Mar
  6. Platja de l’Astillero e de Malgrat Centre
Cosa vedere a Malgrat de Mar

Quarta tappa: Santa Susanna

A pochi chilometri da Malgrat de Mar si trova anche Santa Susanna, l’ultima tappa del nostro itinerario di una settimana in Catalogna nonché una delle mete principali della Costa Maresme. Noi l’abbiamo visitata passeggiando lungo i tanti caffé e locali della via principale e a bordo del trenino turistico  El Cuc che ci ha portato fin su alle montagne di Santa Susanna, intorno alle aree residenziali e per il centro storico a soli € 4 a persona. Per tornare a Girona basta prendere un treno da qui o da Malgrat e, una volta arrivati, attendere il bus per l’aeroporto.

Da non perdere:

  1. Trenino turistico  El Cuc
  2. Passeig Marítim di Santa Susanna
  3. Platja de les Caletes
Cosa vedere a Santa Susanna

Grazie per la tua visita! Spero di esserti stata utile. Se ti va, puoi lasciarmi un commentino qui sotto per farmelo sapere. Mi faresti felice! Ti aspetto anche su Facebook e Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.