L’eclettismo dei progetti fotografici di James Mollison

James Mollison è un fotografo cresciuto in Inghilterra ma nato in Kenya nel 1973, ha studiato arte e design alla Oxford Brookes University, e più tardi fotografia alla Newport School of Art and Design, è arrivato in Italia per lavorare nel laboratorio creativo di Benetton, vive a Venezia con moglie e figlio. I lavori di James Mollison sono stati pubblicati in tutto il mondo.

Dal The New York Times Magazine, il magazine The Guardian, The Paris Review, GQ, New York Magazine e Le Monde un successo incredibile per un fotografo giovane e che non aveva compiuto ancora 35 anni. I soggetti scelti da Mollison sono tra i più svariati nel 2008 ha fatto fotografie in formato panoramico di appassionati di musica, sia prima che dopo i concerti.

Straordinario è il reportage sul gangster Pablo Escobar, il criminale colombiano, chiamato il signore della droga, una storia raccontata da centinaia di fotografie, seguito dall’incredibile lavoro sulle grandi scimmie, documentato da una mostra al Natural History Museum di Londra, e dal libro James e altri simili. Il suo ultimo libro, “Dove dormono i bambini” del 2010 racconta storie di bambini diversi del mondo le immagini della loro camera da letto.

James Mollison, fotografo e grande viaggiatore, ha proposto questa serie di foto per rappresentare quello che di più intimo abbiamo. Secondo Mollison la camera da letto fa conoscere il proprietario e la sua identità. In questo reportage, Mollison ha fotografato anche bambini in luoghi minacciati dalle guerre, per mettere in evidenza le differenze che ancora esistono tra paesi, e soprattutto per evidenziare il grande abisso che ancora esiste tra nazioni come Palestina, Cina e Stati Uniti.

Scrivere articoli richiede moltissimo tempo e impegno. Se il post ti è piaciuto, aiutami a condividerlo: a te non costa nulla, per me è davvero importante!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *