Dove andare in primavera: 5 idee per un weekend in Italia

La primavera e con lei le belle giornate stanno arrivando e dobbiamo iniziare ad organizzarci. Ma dove andare in primavera? Trascorrere un weekend di primavera in Italia è un’ottima idea perché il nostro paese si presenta ricco di luoghi bellissimi, tutti da scoprire. In questo periodo dell’anno possiamo  quindi, dedicarci alla scoperta dell’Italia e, confidando nelle condizioni meteo favorevoli, concederci una gita fuori porta in una di queste piacevoli destinazioni. Per voi ho selezionate 5 località dove andare in primavera per un weekend tutto italiano, da nord a sud (isole comprese). Che ne dite, si va?

Dove andare in primavera

1. Lago di Garda e borghi

Se andiamo in Veneto per scoprire le sue bellezze, non possiamo non visitare l’incantevole Lago di Garda, il maggiore lago italiano, cerniera fra tre regioni, Lombardia, Veneto Trentino-Alto Adige che presenta una serie di contrade, di ville sontuose e di angoli stupendi che sorgono lungo le sue bellissime sponde. Questa riviera è visitata ogni primavera ed ogni estate da migliaia di turisti che desiderano scoprirla a piedi, in auto oppure con una crociera in autobus e traghetto sul lago di Garda che lascia letteralmente senza fiato.

L’escursione ha un elevato valore artistico, storico e culturale, ma anche ambientali e dura un giorno durante il quale potrai scoprire Sirmione, Limone sul Garda, Riva del Garda e Malcesine. La guida a bordo dell’imbarcazione aiuta i turisti a conoscere a fondo le bellezze artistiche che il loro sguardo incontra. La bellezza del Lago di Garda  d’altronde, insieme al suo paesaggio naturale e il patrimonio enogastronomico che la caratterizza sono apprezzati in tutto il mondo. Anche se gran parte del tour si svolge in autobus, il programma include un viaggio di 45 minuti su una barca pubblica da Limone a Riva del Garda.

Scopri qui cosa vedere a Sirmione in un giorno

2. Siena e il Chianti

La bellezza dei colori di cui la Toscana si riveste con l’arrivo della primavera è davvero sorprendente. Sfumature di verde, giallo, marrone, si sovrappongono e fanno da base a distese di girasoli, vigneti, prati in fiore; tutti intorno borghi piccoli e piccolissimi sembrano essere stati adagiati sui colli da qualche sapiente mano! Tra le idee dove andare in primavera non posso non inserire, quindi, un weekend in Toscana, magari utilizzando come base d’appoggio la splendida Siena. Piccolo gioiello medievale, pacata di giorno e vivace la notte, non vi deluderà, posso garantirlo. Non perdetevi l’ingresso nella Cattedrale di Santa Maria Assunta, il suo pavimento è uno dei più importanti e pregiati esempi marmorei del trecento, ma tutta la Cattedrale in realtà è un sapientissimo esempio di architettura e stile romanico-gotico italiano.

Non rinunciate alla splendida vista che vi offre dall’alto la Torre del Mangia, girellate senza meta per le tante strade e stradine della città, le troverete deliziose, consiglio personale non perdetevi oltre alla Fonte Gaia, in piazza del campo, Fontebranda, citata anche da Dante Alighieri, è un antichissima fonte sormontata da tre meravigliose arcate gotiche e da merli. Ma Siena offre tanto al visitatore, non solo dal punto di vista storico artistico, ma anche culinario, infilatevi in uno dei tanti ristorantini della città, anche i palati più sopraffini saranno soddisfatti; Impossibile poi rinunciare ad un bel bicchiere di chianti classico seduti in piazza del campo e dopo aver visitato Siena lanciatevi alla scoperta dei tantissimi altri borghi del Chianti e buon week end! 

CONTINUA A LEGGERE QUI L’ITINERARIO Di un giorno a SIENA

3. Matera e i Sassi

A Matera si trova uno dei musei all’aperto più belli della nostra penisola: la città dei sassi. La Basilicata offre paesaggi incontaminati e naturali e si presta alle esigenze e preferenze di tutti. Matera è conosciuta per i sassi, un grande villaggio di costruzioni in roccia a cielo aperto, dove è possibile passeggiare e godersi il panorama naturale ma la città offre anche un piccolo e tranquillo centro storico, con zona pedonale, bar e ristoranti. Adatto per famiglie e bambini che cercano un posto non affollato dove rilassarsi.

Tante sono poi gli itinerari del culto, itinerari tra le tantissime chiese rupestri e le opere architettoniche di epoca preistorica. Consiglio di visitare Matera tra le mete dove andare in primavera per weekend italiano perché è assolutamente una città unica, emozionante e particolare nei colori. La mia affezione a questo presepe cittadino è forse dovuta all’occasione di un blog tour organizzato dalla Lonely Planet durante il quale abbiamo avuto la fortuna di avere una guida professionista che ha saputo farci apprezzare la genuinità della sua città, semplice ma ricca.

Qui trovi l’itinerario per visitare Matera in un giorno 

4. Agrigento e la Valle dei Templi

Agrigento è una città dai mille volti che può soddisfare le esigenze e gli interessi turistici più disparati, dalla letteratura, alla storia, all’arte fino all’archeologia. Chi viaggia attraverso questo tratto della Sicilia meridionale non può assolutamente prescindere, infatti, da una visita della Valle dei Templi, prenotabile direttamente qui. La primavera, poi, è un periodo incantevole per andare ad Agrigento perché nel mese di marzo si tiene uno dei festival del folclore più antichi d’Europa: il Mandorlo in Fiore.

Non una semplice sagra di paese ma una vera e propria tradizione popolare che dà il bentornato alla primavera attraverso la fioritura della pianta simbolo di questo tratto di costa siciliana. Ma Agrigento rappresenta una meta ideale dove andare in primavera anche per un altro motivo: le meraviglie della natura che lo circondano. Tra queste devo necessariamente citare Lampedusa, Lampione e Linosa ovvero l’Arcipelago delle Pelagie, sull’estrema punta meridionale dell’intera Unione Europea.

Scopri di più sull’isola di Linosa in questo post

5. Penisola del Sinis e Tharros

Grazie ragazze, quanti posti fantastici! Manco solo io con il mio suggerimento. Da isolana di adozione, non posso che parlare della mia incantevole Sardegna ancora una volta per spedirvi in un posto davvero speciale per me e lo diventerà anche per voi, ne sono sicura! Sto parlando della Penisola del Sinis, per questo weekend di primavera. Questa splendida oasi naturale mi ha davvero lasciato senza parole! Ci siamo capitati in un weekend di novembre per caso mentre cercavamo una destinazione per trascorrere un un paio di giorni di relax fuori porta e per fortuna abbiamo trovato un ottimo clima ma deve essere perfetta per un weekend di primavera.

Oltre alla ricchezza naturalistica, la Penisola del Sinis, situata nella costa centro-occidentale della Sardegna, permette al visitatore di fare un incredibile salto del passato mitico di questa terra, grazie alla vicinanza al sito archeologico di Tharros, un tempo villaggio nuragico, i cui resti sono la prova che questa zona era già abitata prima dell’arrivo dei fenici. Oltre alla celebre torre spagnola di San Giovanni, che si nota immediatamente entrando nell’area protetta, sulla sinistra, verso il golfo si trova una seconda torre spagnola, la Torre Vecchia, sulla costa orientale del Capo San Marco. Andateci e non ve ne pentirete, buon weekend!

Leggi il post dedicato alla Penisola del Sinis

3 Commenti

  1. Anna Maria

    Marianna, come si fa a scegliere? Ciascuno di essi è presentato con grande calore e se provassimo a sceglierne uno, l’altro ci rimane molto male. Allora? A turno tutti. Complimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.