Creare un blog di viaggi per trasformare il viaggio in racconto

Creare un blog di viaggi è diventato molto comune di questi tempi, una sorta di “moda del momento”. Lo stesso non vale però per la scrittura. Scrivere di viaggio infatti non è qualcosa che è nata con Internet e con i travel blog ma ha origine antichissime perché risale persino ai greci e i latini. Dopotutto, viaggiare non è mai stato solo andare in vacanza ma sempre aprire nuovi orizzonti, esattamente come fece Marco Polo che con le sue memorie raccolte nel manoscritto Il Milione che ha ispirato molti a viaggiare verso l’Asia tra cui proprio Cristoforo Colombo, colui che scoprirà le Americhe.

Grazie ai grandi viaggiatori e scrittori di viaggio della storia, infatti, oggi la letteratura è ricca di racconti di viaggio, tanto da dare vita ad un vero e proprio filone, quello della letteratura di viaggio. Descrivere le origini di un luogo, gli usi e costumi, le sensazioni, le emozioni è da sempre naturale per chi ama viaggiare. Chi viaggia ha voglia di trasmettere quello che vede come lo sente, e non solo attraverso una fotografia, ma anche attraverso la parola cercando di trasmettere le emozioni vissute con racconti in prima persona.

Perché le parole vengono dall’anima ed è l’anima a raccontare odori, sapori, colori, sorrisi. Un racconto di viaggio non può essere una semplice descrizione oggettiva di come le cose appaiono ma deve necessariamente contenere al suo interno pezzi di vita vera come quelli di Goethe che nel suo “Viaggio in Italia” descrisse le meraviglie del nostro paese con i suoi occhi incuriositi e meravigliati di chi vuole ammirare la bellezza di un luogo sconosciuto.

scrivere_viaggio_travel_blogger

Ecco cosa significa scrivere di viaggi: far conoscere quei mondi sconosciuti, descrivere la bellezza, dipingere con le parole un paesaggio. È questo quello che facciamo noi travel blogger attraverso i nostri blog ai tempi del 2.0.: scegliamo di vivere viaggiando e alla sete di scoperta si aggiunge la sete di trasmettere l’emozione di un viaggio,  di condividere sui nostri travel blog l’ansia della partenza, l’emozione del viaggio, il piacere del ritorno e tutto quello che succede nel mezzo.

Condividiamo con gli altri il bello ed il brutto dei posti in cui ci troviamo ma soprattutto noi stessi e ciò che proviamo quando li visitiamo. Per questo è così bello scrivere un travel blog perché significa avere la possibilità di riversare emozioni, sensazioni e frustrazioni di un viaggio in un diario, un diario pubblico a cui tutti possono accedere e attraverso il quale si possono incuriosire, informare, incoraggiare le persone e raccontare loro storie che difficilmente verrebbero pubblicate così come sono.

scrivere_viaggio_scrittura_viaggiare_travel_blogger

Questa incapacità di partire senza aver bisogno di scrivere qualcosa Paolo Rumiz la chiama “deformazione professionale” e da quando sono diventata travel blogger ho iniziato a comprendere meglio e a fare mia questa sua definizione.  La sensazione di non essere più capace di partire senza scrivere qualcosa ha “contagiato” anche me forse perché ho realizzato che un viaggio è una scoperta, momento di crescita ma anche condivisione, in quanto c’è tanta spiritualità in un viaggio.

Che è prima di tutto un viaggio dell’anima alla ricerca di se stessi, un modo per vedere il mondo con occhi nuovi. Un modo per vivere l’incanto e la bellezza di luoghi sconosciuti e aiutare altre persone a vivere il viaggio non da turisti ma da protagonisti perché la cosa peggiore che possa succedere è rimanere immobili. Essere un travel blogger è come essere una guida che ti porta lontano attraverso le parole verso una grande meta: te stesso. Come disse Maruja Torres “La maggior parte di noi si porta dentro, da sempre, un viaggio che non è una semplice visita o una vacanza, ma un sogno”.

Il travel blogger che è in noi tira fuori quel sogno e il blog è la bacchetta magica con cui riesce a farlo.

2 Commenti

    1. Marianna Norillo

      Ciao Federica, grazie per essere passata. La penso esattamente come te. Scrivere per me è prima di tutto condivisione… di esperienze, notizie, punti di vista perché è grazie a questa condivisione che possiamo confrontarci, imparare cose nuove e trovare ispirazione per altre avventure alla scoperta del mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.