Cosa vedere in Valacchia, il regno di Vlad Tepes l’Impalatore

Durante il mio Tour in Transilvania, prima di arrivare al Castello di Dracula, siamo passati per la Valacchia, nella zona meridionale della Romania, una delle Regioni storiche della nazione conosciuta anche come il “granaio dell’Europa”. In realtà, vista l’alta stagione e il traffico, in Valacchia ci siamo rimasti parecchio, imbottigliati in fila nel bus, e anche senza poter scendere, ho avuto modo di catturare una prima impressione di questa terra. La nostra guida di BucharestCityTour ci ha raccontato qualcosa di questa regione.

Ad esempio, che è questo il regno dove il famoso Vlad Tepes, anche conosciuto come Vlad l’Impalatore, fu tre volte voivoda, principe. Oltre alla bellezza dei paesaggi naturali, la Valacchia vanta un ampio patrimonio storico e architettonico, soprattutto monasteri e chiese. Tra questi gli antichissimi monasteri di Cozia, Horezu, patrimonio Unesco, Dintr-un lemn e Tismana, e diversi castelli. Per gli amanti della montagna la Valacchia annovera numerosi parchi naturali sulle montagne dei Carpazi, ideali per escursioni.

carpazi_valacchia_romania_bucegi

Percorrendo le strade della Valacchia, in questo viaggio lungo e on the road, ho potuto scoprire anche i lati più quotidiani della regione: le case raccolte nella valli una vicina all’altra, allineate lungo la strada, i cittadini che stendono i panni nonostante la neve e che puliscono le strade antistanti le loro abitazioni con cura e determinazione. La Valacchia è anche tra le principali destinazioni sciistiche della Romania e, in particolare, Sinaia, una delle sue città principali e una delle più belle località montane della Romania.

Qui si possono trovare, da dicembre a febbraio, gran parte dei resort del paese per praticare sport invernali. Qui Re Carlo I di Romania costruì presso la città la sua dimora estiva, il Castello di Peleş, meta turistica molto conosciuta, insieme al Castello di Pelişor e il Monastero di Sinaia. A circa 800 di altezza, circondata dal massiccio del Bucegi e ricca di belle foreste, Sinaia possiede lussuosi alberghi e pensioni dove ogni anno soggiornano circa 50.000 villeggianti e turisti. Superando Sinaia, si intravedono di nuovo i paesaggi innevati, gli alberi carichi di neve e un corso d’acqua.

castelul_peles_sinaia_romania

Si tratta del fiume Prahova, che nasce dai Monti Bucegi, nei Carpazi meridionali e affluisce nello Ialomiţa. Il fiume Prahova con la sua vallata è un altro dei meravigliosi scenari naturalistici della Romania e della regione omonima di Prahova. Sviluppandosi per una superficie di quasi 5 mila chilometri quadrati, la contea di Prahova è circondata da un paesaggio davvero suggestivo con le sue montagne, le valli e le pianure, circondata dai Carpazi orientali e dei Monti Bucegi, che ne sono parte integrante.

Dal finestrino noto che, proprio lungo il fiume, sorgono molte case, tutte grandi, belle, accoglienti e ben rifinite. Quasi quasi fa un po’ impressione vederle così a ridosso del corso d’acqua, esposte al flusso del fiume che scorre, a ridosso del Prahova. Devono esserci abituati i rumeni o probabilmente sanno che, dopotutto, è una location sicura e magari anche utile per il rifornimento di acqua salutare. Non riesco a vedere bene quanto movimento ci sia ma posso dire per certo che le case, a dispetto della loro apparenza solitaria, sono vissute ed abitate.

castello_poienari_valacchia_romania

Purtroppo, non ho avuto tempo per una sosta qui perché le tappe del Tour erano altre ma mi riprometto di tornarci per visitare Targovisye, la città antica capitale di questa regione e il monastero Dealul, dove è sepolta la testa di Michele Il Bravo, primo unificatore della Romania, decapitato bel 1601. Al confine con la Transilvania, inoltre, merita una visita il castello di Poienari, oggi solo una fortezza in rovina ma un tempo residenza di Vlad l’Impalatore. Per raggiungere la sommità della fortezza, però, è necessaria un’ottima resistenza e allenamento fisici: l’unica via di accesso sono i suoi 1480 scalini.

Sicuramente in primavera con il bel tempo l’impresa potrebbe avere maggior possibilità di riuscita! Ma siamo ormai arrivati in Transilvania e il Castello di Dracula ci attende!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.