Cosa vedere a Galway in un giorno: un assaggio di Connacht

I feel more and more the time wasted that is not spent in Ireland.

Lady Gregory

Il mio viaggio di oltre 3 ore da Dublino a Galway era finalmente volto al termine. Ero nel Connacht, la più occidentale delle quattro Province d’Irlanda, famosa anche per la città di Sligo e le meravigliose Isole Aran. Scendo dal bus e mi ritrovo direttamente in Eyre Square, il centro della città e la sua piazza più grande. Mi dirigo verso il Tourist Office in Forster Street per prendere qualche brochure per poi avviarmi verso Shop Street, la strada principale per fare shopping. Ho poche ore a disposizione e devo decidere cosa vedere a Galway, ottimizzando tempi e percorsi.

Proseguendo verso la fine di High Street, mi ritrovo davanti al famoso McDonagh’s, storico locale per gli amanti della cucina a base di mare in cui si mangia e si compra pesce fresco ogni giorno. Qui siamo nel vivace Latin Quarter, il quartiere latino, pieno di negozi, caffetterie e locali dove mangiare o prendere qualcosa da bere. Poco distante si trova anche la Collegiate Church of St.Nicholas, il principale edificio medievale di Galway risalente al 1320.

quartiere_latino_latin_quarter_galway

Un altro punto importante della città è Quay Street, animata da tipici e suggestivi pub e ristoranti, che percorro tutta fino alla fine. Qui incomincio ad intravedere il fiume Corrib. In questo punto, sul lungofiume, si trova anche lo Spanish Arch, l’antica porta di Galway, utilizzata in passato per difendere i moli cittadini. L’aggettivo “Spanish” deriva dal notevole flusso commerciale praticato al tempo dalla Corona Inglese con la Spagna. Qui le imbarcazioni spagnole scaricavano le loro merci. Oltre l’arco sorge il Museo Cittadino di Galway. Fateci un salto: è molto interessante… e gratuito!

galway_visitare_spanish_arch_cosa_vedere

Dall’altra parte, attraversando il Wolfe Tone Bridge, da cui si vede la cupola verde della Cattedrale di Galway, mi ritrovo in un molo pedonale molto carino, con il Canale di Eglington alla destra, alla cui estremità si può ammirare un’incantevole panorama, reso perfetto dalla casette colorate sulla sponda opposta, le barche dei pescatori ormeggiate e il gran numero di cigni e uccelli acquatici che popolano le acque del Corrib o si affollano sui lembi di terra vicini. Mi siedo su una panchina per godermi lo spettacolo e mangiare un panino in compagnia.

galway_bridge_street_cattedraleTorno verso il Wolfe Tone Bridge e percorro la zona pedonale dall’altro lato del ponte verso la Cattedrale di Galway, il cui nome completo in inglese è Cathedral of Our Lady Assumed into Heaven and St Nicholas (Ard-Eaglais Mhaighdean na Deastógála agus Naomh Nioclás in irlandese). Mi capirete se, per il resto dell’articolo, continuerò a chiamarla semplicemente “Cattedrale di Galway”! Si tratta di una chiesa cattolica romana e dell’edificio più grande e più imponente della città. Per raggiungerla basta percorrere il ponte sull’University Road, il Salmon Weir Bridge, famoso punto di avvistamento di banchi di salmoni.

cattedrale_galway_cathedral_irlanda

A questo punto sono passate circa 3 ore. Faccio un salto alla Chiesa e torno indietro verso il centro percorrendo la strada opposta alla riva dello Spanish Arch. Qui, in Lower Dominick Street, si trova un centro di arte contemporanea il Galway Arts Centre e mi fermo per dare un’occhiata. All’uscita ripasso sul molo e torno per l’ultima volta a vedere il Corrib con i suoi “abitanti”. È tempo di riprendere la strada del ritorno. Ho ancora un’oretta a disposizione e la passo tra i negozi di souvenirs. Un caffè americano on the go e via verso la fermata. Quando arrivo il bus è gia lì. Mancano pochi minuti alla partenza. Guardo Eyre Square con un po’ di nostalgia e salgo. Il viaggio finisce qui. Dublino sto tornando da te!

Per altre foto dell’Irlanda, segui l’hashtag #lifeadublino sul mio profilo Instagram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.