Cosa vedere a Cracovia e dintorni in 3 giorni: itinerario e luoghi da visitare

Non so da dove iniziare, credetemi. Sono giorni che penso a come iniziare questo post su cosa vedere a Cracovia e dintorni in 3 giorni e non trovo un incipit all’altezza di questa meravigliosa città. Considerata la più bella della Polonia, Cracovia è davvero una città meravigliosa, piena di vita, un gioiello prezioso che brilla di vivacità e dinamismo e che dovete assolutamente mettere tra le tappe di un viaggio in Polonia. Per convincervi, ho realizzato per voi un itinerario su cosa vedere a Cracovia in 3 giorni ma non solo a Cracovia perché vi dimostrerò che anche i dintorni meritano una visita.

Cosa vedere a Cracovia e dintorni in 3 giorni

Itinerario, mappa e luoghi principali da visitare

Giorno 1. Cosa vedere al centro di Cracovia

Stare Miasto, centro storico e luoghi principali da visitare

Siamo arrivati a Cracovia il pomeriggio del 24 dicembre. Già, proprio così, a Natale, uno dei momenti più particolari ed emozionanti dell’anno. Siamo stanchi e abbiamo solo la forza di una prima perlustrazione di Stare Miasto, il centro storico di Cracovia. La nostra visita ufficiale però inizia il giorno successivo, il giorno di Natale! Eravamo un po’ preoccupati di trovare chiuso e invece locali, bar, ristoranti e i bellissimi mercatini natalizi di Cracovia ci accolgono con i loro colori, profumi e sapori. C’è molto movimento in giro e anche le temperature del tutto sopportabili ci consentono di godere pienamente di questa giornata.

Tra le prime cose da mettere nell’itinerario di cosa vedere a Cracovia in 3 giorni, non possono mancare le attrazioni del centro storico. Direi di iniziare il vostro tour dal Barbacane, un edificio di tegole rosse e torrette che nel Medioevo rappresentava un importante punto della vecchia strada reale di Cracovia, essendo in passato un tutt’uno con Porta Florianska, una delle porte della città che si trova di fronte. Oggi la Strada Reale di Cracovia inizia da questa porta, da cui si accede a Piazza del Mercato, alle vie Grodzka e Kanonicza fino a raggiungere il Castello di Wawel e la Cattedrale

Sono tutti luoghi che bisogna assaporare, non basta passarci davanti per cui vi consiglio di dedicare un intero giorno al centro di Cracovia, cercando di immergervi completamente nell’atmosfera elegante di Rynek Główny, la piazza principale della città su cui si affacciano alcuni dei principali luoghi e monumenti cittadini di cui ho parlato in modo piu approfondito in quest’articolo su cosa vedere a Cracovia in un giorno. Di sicuro non potete sottrarvi alla visita del Sukiennice, il Mercato dei tessuti e della Basilica di Santa Maria e all’assaggio delle specialità locali, i pierogi.

Dopo aver visitato, girato e degustato la cucina polacca nel centro di Cracovia, nella lista di cosa vedere a Cracovia in 3 giorni dovete aggiungere anche il Castello di Wavel, edificato sulla riva sinistra del fiume Vistola a poca distanza dal centro. Il Castello comprende diverse sale che potete decidere di visitare singolarmente in base ai vostri interessi oppure se preferite potete percorrere le sue mura per una passeggiata panoramica sulla città e visitare la cattedrale di Wawel, la più importante e celebrata fra le chiese polacche che si trova al loro interno. 

Giorno 2. Cosa vedere nella periferia di Cracovia

Visitare i quartieri di Kazimierz, Zabłocie, Podgórze

Dopo aver visitato in maniera approfondita il centro di Cracovia, il secondo giorno possiamo provare a scoprire i quartieri periferici. Iniziamo da Kazimierz, il quartiere ebraico, uno dei luoghi sicuramente più belli da vedere a Cracovia in 3 giorni. Pur nel suo aspetto decadente e nonostante sia inevitabilmente connesso alle triste vicendi della persecuzione ebraica (Steven Spielberg lo ha scelto come set per le riprese di “Schindler’s List”), il quartiere di Kazimierz con i suoi murales, i suoi ristorantini, la sua vivacità alternata alla spiritualità di sinagoghe e chiese, è un posto davvero speciale di cui, sono certa, vi innamorerete a prima vista.

Da Kazimierz ci spostiamo adesso verso il quartiere di Podgórze che sorge sull’altra sponda della Vistola dove si trova Piazza degli Eroi del Ghetto con il suo commovente Monumento delle Sedie, in onore degli ebrei che qui venivano adunati e inviati ai campi di sterminio. Ai margini della piazza, da non perdere anche la Farmacia dell’Aquila, l’unica farmacia operativa durante l’occupazione che offriva anche rifugio agli ebrei e, infine, i resti del muro del ghetto ebraico in Lwowska Street. Davvero toccante, credetemi!

La terza tappa è Zabłocie, un altro quartere di Cracovia poco distante da Podgórze che si può raggiungere facilmente a piedi in un quarto d’ora minuti e vale la pena andarci perché qui si trovano il Museo di Arte Contemporanea MOCAK, il primo museo ad essere nato dopo la seconda guerra mondiale e i locali ristrutturati della fabbrica di Oscar Schindler, l’imprenditore tedesco famoso per aver salvato oltre 1000 ebrei durante l’occupazione nazista, al cui interno è allestito il Museo di arte contemporanea di Cracovia. 

Se avete ancora un po’ di energia residua, vi consiglio di unire all’elenco delle cose da fare a Cracovia in 3 giorni anche un’ultima tappa: il Krakus Mound, una delle quattro colline che si affacciano su Cracovia e da cui potrete godere soprattutto al tramonto di un panorama a 360° sulla città assolutamente eccezionale. Raggiungerlo a piedi o con i mezzi è un po’ complicato per cui vi consiglio di fare come ho fatto io: utilizzare l’applicazione Uber e in pochi minuti e spendendo pochi zloty sarete ai piedi della collinetta. Non vi resta che salirci per rendersi conto che ne sarà valsa la pena!

Per sapere cos’è Uber e come funziona, prosegui la lettura qui.

Giorno 3: Cosa vedere nei dintorni di Cracovia

Auschwitz, Miniere di sale, Abbazia di Tyniec e Zakopane

Il terzo giorno a Cracovia dovrete fare una scelta. Tutto non si può vedere, purtroppo. Io ho scelto di tornare a visitare il campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. Ci ero già stata diversi anni fa ma mio marito ci teneva ad andare e nonostante la consapevolezza di rivivere un’esperienza così forte, mi è sembrato doveroso inserirlo nell’itinerario. In questo articolo trovate tutte le informazioni utili su come organizzare la visita ad Auschwitz comprese quelle più pratiche su come arrivare e come prenotare da soli, senza agenzie.

Tra le cose da vedere a Cracovia in 3 giorni, credo che che la visita ad Auschwitz-Birkenau sia da mettere ai primi posti. Considerando anche le distanze, gli spostamenti e il clima (se come me viaggiare in pieno inverno e fa buio presto), avrete bisogno di una giornata intera e probabilmente dovrete rinunciare alle Miniere di sale. Tuttavia, se ve la sentite sul web ci sono molti pacchetti combo Auschwitz-Birkenau + Miniere di sale che vi permettono di raggiungere il campo di concentramento di  e le miniere di Wieliczka comodamente a bordo di minibus o minivan.

Uno dei luoghi meno noti ma che secondo me potrebbe piacervi molto, è infine l’Abbazia di Tyniec che ho visitato facilmente in un paio di ore. Per raggiungerla ho preferito utilizzare di nuovo Uber e in 20 minuti ero all’entrata dell’Abbazia.Ne scriverò in seguito più approfonditamente ma quello che posso dirvi senza alcun dubbio è che pur non rientrando tra le cose più famose da vedere a Cracovia, l’ho trovata un luogo estremamente affascinante, inserita in uno scenario naturalistico incantevole, quasi fuori dal tempo, ideale per staccare dai ritmi convulsi della città.

Se invece amate particolarmente paesaggi innevati e sport invernali, potreste raggiungere Zakopane (ne ho parlato in questo articolo), una cittadina molto graziosa a sud di Cracovia, situata ai piedi dei Monti Tatra che ho visitato qualche anno fa, in occasione di un altro viaggio in Polonia. Meta di escursionisti, sciatori e alpinisti, Zakopane è considerata “capitale invernale della Polonia”. Tuttavia, anche il centro città, nonostante le sue piccole dimensioni, riserva belle sorprese a partire da via Krupówki, zona pedonale piena di negozi e ristoranti caratteristici che rappresenta l’anima più autentica di Zakopane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.