Se vi trovate a Liverpool e dintorni e cercate qualcosa di diverso da inserire nel vostro itinerario, andate a vedere Chester. Io ci sono stata in una bella giornata di luglio di qualche anno fa insieme ad amici e ho trascorso delle ore molto piacevoli in questa città. Raggiungere Chester, capoluogo della contea di Cheshire, è poi semplicissimo. A noi da Bangor, città universitaria della regione del Gwynedd è bastato prendere un treno della Virgin Trains e dopo poco più di un’ora di viaggio eravamo già arrivati a Chester.

Essendo un nodo ferroviario strategico, comunque, Chester è ben collegata anche con tutte le località inglesi limitrofe e con le altre città del Galles del Nord, quindi non avrete problemi. La scelta di visitare Chester è arrivata un po’ per curiosità un po’ perché avevamo letto che questa città inglese era stata fondata dai romani e c’erano ancora tracce evidenti a dimostrarlo. Perciò, in questo articolo vi racconterò cosa vedere a Chester in un giorno dandovi qualche spunto per un itinerario a piedi con le tappe da non perdere.

centro_chester_regno_unito

Cosa vedere a Chester in un giorno

Il centro storico

Il punto di partenza ideale è Northgate. Da qui si accede direttamente al centro storico di Chester, considerato uno dei più belli di tutta l’Inghilterra! La stessa Chester City per molti britannici supera in bellezza quelle più famose di Londra, Oxford, Lincoln, Winchester e York e gli americani, secondo un recente sondaggio del quotidiano USA Today, la preferiscono anche alle incantevoli Venezia, Praga e Santorini nella lista delle città più romantiche d’Europa. Tra le tappe da segnare c’è la vicina Cattedrale di Chester, fondata nel XII secolo come abbazia Benedettina.

Chester Cross

Trascorrete qui qualche minuto e poi percorrete la Northgate Street fino alla fine dove troverete l’incrocio di Chester Cross, importante centro di scambio commerciale fin dall’antichità e almeno fino al XVII° secolo. Proseguendo la passeggiata su Eastgate Street, non potrete non accorgervi dell’imponente Eastgate e del suo bellissimo orologio, l’Eastgate Clock, simbolo indiscusso della cittadina inglese e il più fotografato dell’Inghilterra dopo il Big Ben.

L’Eastgate Clock

Commissionato nel 1897 in occasione dell’80° compleanno della regina Vittoria,l’Eastgate Clock è diventato da quel momento una vera e propria istituzione. Anche se inizialmente snobbato e criticato perché ritenuto eccessivamente vistoso, nel corso del tempo è diventato uno dei punti di riferimento di Chester più amati da locali e turisti.  L’orologio è costruito su un ponticello sul quale è possibile salire, facendo un po’ di scale. La vista del centro storico con le tradizionali rows, case a 2 piani in graticcio di origine medioevale, che oggi ospitano negozi e griffe è molto carina.

taxi_inglesi_case_graticcio

L’anfiteatro romano

Uno delle segno più evidenti delle origini romane della città inglese di Chester è sicuramente il suo anfiteatro romano tra i meglio conservati di tutta la Gran Bretagna. Rinvenuto per caso solo recentemente nel 1929, quest’anfiteatro è la costruzione romana più grande di Chester e al tempo della sua realizzazione poteva contenere circa 7.000 persone. L’anfiteatro è visitabile tutto l’anno e l’accesso è sempre gratuito ma, purtroppo oggi a causa della presenza di nuovi edifici è possibile vedere solo metà della struttura romana originaria.

The Groves

Dall’anfiteatro romano ci vogliono appena 4 minuti a piedi per raggiungere The Groves, la passeggiata lungofiume sul lato nord del fiume Dee e il ponte di Queens Park. Vale la pena allungarsi fin qui perché è un posto davvero piacevole e rilassante. Potete approfittarne per riposarvi, per mangiare qualcosa oppure per salire a bordo di un traghetto per una crociera. Ne trovate di tutti i tipi e per tutte le tasche, dai tour di mezz’ora a quelle due ore, pomeridiane, serali e a tema e i prezzi dei biglietti partono da £7.50 a persona se comprati al momento (£7 se acquistati online).

Le mura romane

Direttamente da The Groves sulle rive del fiume Dee potete inoltre percorrere anche un tratto delle antiche mura romane. Vi basterà salire per una delle scale in pietra che trovate sulla passeggiata e sarà come viaggiare indietro nel tempo in pochi minuti. Neanche a dirlo, salire sulle mura romane di Chester vale davvero la pena. Da qui si gode una meravigliosa vista panoramica (gratuita) sul fiume Dee, sui ponti e sulla città e ne resterete piacevolmente sorpresi, ne sono convinta. Camminate e godetevi la vista e scendete in prossimità dell’Old Dee Bridge da una delle scalette.

Il museo di Grosvenor

Siete in un’altra zona di Chester, appena fuori dal centro storico e da queste parti si trova un piccolo museo civico che, anche se non eccezionale, vale la pena di visitare. Sto parlando del Museo di Grosvenor che si trova al primo e al secondo piano di un bell’edificio storico al numero 27 di Grosvenor Street. Al suo interno attraverso filmati, ricostruzioni miniaturizzate e reperti archeologici, viene raccontata la storia della città e in particolare la sua fondazione ad opera dei romani. Il museo è aperto tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle 10.30 alle 17 e la domenica dalle 13 alle 16.

Scritto da:

Marianna Norillo

Viaggio, scrivo, sogno. E poi ricomincio. Perché viaggiare è come vivere più vite in un solo corpo. Scrivere significa viaggiare anche quando il viaggio finisce. Sognare dà forma a nuovi viaggi e nuovi racconti e, viaggio dopo viaggio, racconto dopo racconto, il mondo cambia.