Organizzare un safari al Masai Mara, in Kenya, era da sempre un mio grandissimo sogno è ancora non ci credo di averlo realizzato. Non senza difficoltà ovviamente. Perché organizzare un safari al Masai Mara richiede tempo, ricerche e tanta pazienza. Il motivo principale riguarda la scelta di una compagnia seria a cui affidarsi per un tour organizzato. Pensavate mica di poter per fare un safari al Masai Mara in autonomia, per la serie, zaino in spalla e auto a noleggio? Perché, beh, no, non funziona esattamente così. Ma non preoccupatevi, in questo articolo vi aiuterò ad organizzare il vostro Safari al Masai Mara con tanti consigli utili, basati sulla mia esperienza.

Organizzare un safari al Masai Mara

Cosa sapere sul Masai Mara

Cos’è esattamente il Masai Mara, un grande parco naturale? No, molto di più. Una Riserva Nazionale, istituita dallo Stato del Kenya, protetta di grande importanza per la protezione, lo studio o la ricerca dell’ambiente  e degli animali che lo abitano. Gli ingressi quindi sono contingenti e la supervisione della Riserva Masai Mara è compito di ranger e autorità locali. La mia prima volta in Africa non è stata esattamente come la immaginavo ma andare al Masai Mara l’ha resa uno dei viaggi più belli della mia vita.

Periodo migliore per un safari

Il miglior periodo per organizzare un safari al Masai Mara è l’estate, da giugno in poi, e in particolare ad agosto e settembre se Oltre a questo è soprattutto il periodo in cui si svolge la Grande Migrazione. E si può diventare testimoni di uno spettacolo unico al mondo. In questo periodo dell’anno infatti GNU e altri animali iniziano la loro migrazione in banco, alla ricerca di cibo, ed è possibile ammirare questo fenomeno con i propri occhi.

Durata consigliata per un safari

Dipende. L’altra informazione necessaria e ugualmente importante riguarda la durata consigliata per organizzare un safari All’altezza delle aspettative e viverlo al meglio. Bisogna mettere in conto almeno 3 notti e 2 giorni i pieni per un tuo condiviso, considerando che di solito il primo giorno si ha tempo solo per una breve perlustrazione. Il giorno importante, infatti, è quasi sempre il secondo in cui inizia la vera scoperta della savana attraverso tanti game drive alla ricerca del Big 5.

Game drive e Big 5, facciamo chiarezza!

Se state cercando di organizzare un safari al Masai Mara sicuramente vi imbatterete in termini mai sentiti con cui dovrete fare i conti perché sono parole chiavi per imparare a capire come funziona il tutto. Per game drive si intende il safari che prevede la ricerca e l’incontro ravvicinato con gli animali e in particolare dei Big Five i cinque grandi animali della savana africana: leone, leopardo, rinoceronte, elefante africano, bufalo africano, simboli di questo meraviglioso continente, tan in fuoristrada o pulmini 4×4, aperti, con tettuccio apribile, o chiusi, in base al regolamento del parco. Vederli non è mai assicurato e riuscirci richieste una buona dose di fortuna ma nel periodo e nell’orario giusto se avete ad imposizione almeno due giorni interi le probabilità di riuscirci diventano abbastanza alte!

Costo di un safari al Masai Mara

Anche questo dipende. Dalla durata, dal tipo di alloggio e dai servizi inclusi, dal luogo di partenza e ovviamente dai prezzi della compagnia a cui decidete di affidarvi. I prezzi possono arrivare anche a 2000 euro a persona per un tour di 2 giorni (con 3notti). Io sono riuscita a trovare un pacchetto davvero concorrenziale, che includeva anche altri spostamenti e pernottamenti, e ho pagato il safari 350 euro, comprensivi di pick up dalla capitale Nairobi (di cui ho parlato qui), con alloggio nel bellissimo Camp ai bordi del Masai Mara.

Esempi di safari al Masai Mara

Qui di seguito vi mostro un elenco di safari al Masai Masa con diverse caratteristiche e costi. Alcuni si svolgono di notte,altri offrono la possibilità di combo con altri parchi, altri ancora durano fino a 5 giorni. Provate a cliccare sulle voci che vi interessano di più così da farvi un’idea della tipologia di safari attualmente disponibili e soprattutto dei costi e di cosa includono le varie offerte. Io vi Consiglio di fare qualche ricerca anche alle agenzie che le organizzano, leggendo qualche recensione in rete, giusto per stare più tranquillo.

Dove alloggiare al Masai Mara

Ci sono diversi tipi di alloggio, per tutti i gusti e budget. Di solito i pacchetti proposti dalle agenzie prevedono diverse scelte con conseguente variazione del preventivo. Io tra le varie opzioni, ho scelto il Simba & Oryx Nature Camp, un camp sostenibile di alta qualità aperto al pubblico nel 2013 con 10 tende di lusso e un ristorante, situati, ai bordi del parco e ben distanti luna dall’altra da dare l’impressione di essere da soli nell’immensità selvaggia del Masai Mara. L’altra cosa che mi aveva colpito era l’ingresso in vetro che permettevano una visuale completa sulla natura circostante direttamente dal proprio letto. Ma di alloggi ce ne sono davvero tanti. Eccome altri!


Booking.com

Scritto da:

Marianna Norillo

Viaggio, scrivo, sogno. E poi ricomincio. Perché viaggiare è come vivere più vite in un solo corpo. Scrivere significa viaggiare anche quando il viaggio finisce. Sognare dà forma a nuovi viaggi e nuovi racconti e, viaggio dopo viaggio, racconto dopo racconto, il mondo cambia.