Cosa fare e vedere a Sassari in un giorno

Quando si parla di Sardegna, raramente si pensa a Sassari come una delle destinazioni da visitare. Eppure questa città situata nella parte settentrionale dell’isola vanta bellezze e tesori molto interessanti.

Cosa vedere a Sassari in un giorno

1. Assistere alla discesa dei Candelieri

Uno dei motivi più importanti che, già da solo, varrebbe una visita alla città è l’evento principale a cui Sassari è collegata: La Discesa dei Candelieri, in sassarese Faradda di li candareri o solo Faradda che si svolge la sera prima di Ferragosto ed è la processione religiosa più calorosa e più sentita dalla popolazione. Nella foto di seguito uno spettacolo di Sbandieratori e Musici della Città dei Candelieri legato a questo evento.

La festa, inserita nel Patrimonio orale e immateriale dell’umanità dell’UNESCO dal 2013, consiste in una processione danzante di ceri simbolici, detti “candelieri” che si svolge lungo il Corso Vittorio Emanuele II fino a Porta Sant’Antonio e dal Corso Francesco Vico fino alla chiesa di Santa Maria di Betlem, risalente al XIII° secolo, che si affaccia sull’omonima piazza nel centro storico. Qui c’è un’altra chiesa che vi suggerisco di andare a vedere. Sto parlando della Cattedrale di San Nicola, chiesa principale della città.

sassari_candelieri_discesa_sbandieratori_musici

2. Ammirare la Cattedrale di San Nicola

Questa Cattedrale, anche conosciuta come Duomo di Sassari risale al XII° secolo ed è rimasta fino al 1278 l’unica chiesa di tutto il territorio. Una volta raggiunto l’ingresso, a colpire immediatamente il visitatore è la facciata ricca di decorazioni barocche, tra le quali compaiono anche  le statue di tre santi martiri e quelle di Dio e San Nicola. La Cattedrale è visitabile gratuitamente mentre il museo dedicato ai paramenti e agli argenti sacri è accessibile al costo di 2 euro.

3. Entrare al Museo Nazionale Sanna

Ma Sassari non è solo chiese. Agli appassionati di musei consiglio di visitare il Museo Nazionale Sanna in cui troverete un’ampia collezione di reperti che abbraccia vari periodi storici della Sardegna a partire dal prenuragico. Molti pezzi rappresentano delle vere e proprie icone per gli appassionati di archeologia e compaiono in numerose pubblicazioni a livello regionale. Rispetto ai musei che sono abituata a vedere in giro per l’Europa, devo dire che questo manca di una corretta organizzazione e disposizione di spazi ma merita comunque una visita, considerata l’importanza e la qualità dei reperti.

museo_nazionale_sanna_sassari

5. Visitare uno dei suoi palazzi storici

Un giro a Sassari non è completo senza visitare almeno uno dei suoi palazzi storici. Alcuni di questi appartengono a famiglie private ma sono visitabili ed aperti al pubblico in determinati orari ed eventi particolari dell’anno come l’iniziativa dei Monumenti Aperti. Io ho visitato il Palazzo Cugurra, risalente alla seconda metà del XIX° secolo, periodo segnato da una forte espansione edilizia. Si trova in via Roma, strada principale del quartiere umbertino, e si distingue per i suoi richiami neobarocchi e le decorazioni in stile liberty. Se vi capita, fateci un salto!

palazzo_cugurra_sassari

6. Scoprire i borghi nei dintorni di Sassari

Quello che in molti non sanno che Sassari può essere uno dei punti di partenza per la scoperta del volto più autentico della Sardegna: quello dell’entroterra e dei suoi borghi antichi in cui è possibile ritrovare e riscoprire storia, costumi e tradizioni di questa bellissima isola. Non può mancare quindi nell’elenco di cosa vedere a Sassari in un giorno forse no ma avendo a disposizione almeno 48 ore  non possono mancare questi paesini assolutamente meravigliosi tutti da scoprire. Per voi qui un elenco dei borghi più belli nei dintorni di Sassari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.