Coronavirus: la lista dei paesi con restrizioni ai viaggi dall’Italia

L’emergenza Coronavirus sta mettendo a dura prova l’Italia, non solo per quanto riguarda umori e paure ma anche per ciò che concerne il mondo dei viaggi e del turismo e le notizie, alcune davvero allarmanti, come quella dei turisti bloccati all’aeroporto di Mauritius e poi rimpatriati, si susseguono una dietro l’altra lasciando dietro di loro confusione e perplessità. Appare, tuttavia, necessario restare aggiornati sulle attuali restrizioni ai viaggi dall’Italia per non trovarsi brutte sorprese durante il viaggio, dato che, nonostante la posizione dell’Oms, alcune compagnie aeree hanno deciso di ridurre o addirittura cancellare i voli, oppure a diffondere divieti e limitazioni. Per chi fosse in procinto di partire, qui trovate la lista dei paesi che al momento stanno attivando restrizioni ai viaggi dall’Italia.

VIAGGI IN ITALIA

Fuori e dentro i focolai

I focolai individuati in Italia, in provincia di Lodi e in provincia di Padova, sono zone rosse, come sappiamo e, quindi, off limits. Fuori da queste zone rosse, si può circolare ma nelle regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Liguria, la maggior parte dei musei, dei teatri e dei luoghi di ristorazione e aggregazione resta chiusa al pubblico proprio per ridurre il più possibile il rischio di diffusione del virus. Treni, linee metropolitane e bus, invece, restano operativi.

VIAGGI ALL’ESTERO

Europa e resto del mondo

In Europa e nel resto del mondo, le restrizioni per i viaggi dall’Italia sono molto diverse tra loro, alcune più rigide di altre. Qui di seguito trovate una lista dei paesi che attualmente hanno imposto delle restrizioni ai viaggi dall’Italia:

  • Francia. Per chi proviene da Lombardia e Veneto sono previsti 14 giorni di quarantena volontaria, anche in assenza di sintomi; in presenza di sintomi bisogna mettersi in contatto con il SAMU (service d’aide médicale urgente).
  • Gran Bretagna. Chi proviene dalle aree focolaio deve mettersi in quarantena volontaria anche se asintomatici e contattare l’NHS 111; per gli altri nessuna misura particolare in assenza di sintomi.
  • Germania. Chi proviene dalle province di Lodi o del Comune di Vo’ Euganeo è invitato a sottoporsi ad una quarantena domiciliare; per le altre provenienti da aree in cui ci sono stati contagi da coronavirus, è necessario mettersi in contattato con un medico, in caso di sintomi.
  • Grecia. Controlli sanitari per chi proviene dalle zone focolai o con alto numero di contagi con isolamento e trasferimento in una struttura ospedaliera, in presenza di sintomi sospetti.
  • Croazia. Chi proviene da Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto viene sottoposto a controlli sanitari; in presenza di sintomi influenzali si verrà trasportati in ospedale, in assenza si verrà comunque sottoposti quotidianamente alla verifica del proprio stato di salute da parte delle autorità sanitarie locali.
  • Montenegro. Ogni viaggiatore, nelle successive due settimane dall’arrivo, è tenuto a segnalare due volte al giorno il proprio stato di salute.
  • Malta. Chi proviene da Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna è tenuto a contattare le autorità sanitarie e a sottoporsi ad una quarantena volontaria di 14 giorni. In presenza di sintomi, la quarantena diventa obbligatoria.
  • Repubblica Ceca. A breve sarà ufficializzata la sospensione di tutti i voli aerei dalle regioni italiane considerate a rischio (Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna).
  • Polonia. Termo-screening negli aeroporti e raccomandazione, a chi ha viaggiato (o transitato) negli ultimi 14 giorni nel Nord Italia, di automonitorarsi e mettersi in contatto con le autorità sanitarie in presenza di sintomi sospetti.
  • Romania. Ai viaggiatori provenienti da Lombardia e Veneto è richiesto un isolamento volontario domiciliare per 14 giorni dall’arrivo.
  • Bulgaria. Nessuna disposizione particolare ma cancellazione da parte della compagnia aerea di bandiera Bulgarian Air di tutti i voli da e per Milano fino al 27 marzo 2020.
  • Georgia. Chi proviene dall’Italia è sottoposto a termo-screening ed eventuali analisi epidemiologiche; in presenza di sintomi ritenuti sospetti, al viaggiatore potrebbe essere negato l’ingresso.
  • Ucraina. Termo-screening negli aeroporti e isolamento e periodo di osservazione in presenza di sintomi sospetti fino ad eventuale trasferimento in ospedale.
  • Marocco. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena in presenza di sintomi.
  • Algeria. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena in presenza di sintomi.
  • Egitto. Screening all’arrivo e ricovero in ospedale in aeroporto ed eventuale isolamento in presenza di sintomi.
  • Costa d’Avorio. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena in presenza di sintomi.
  • Senegal. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena in presenza di sintomi.
  • RDCongo. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena in presenza di sintomi.
  • Sudafrica. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena in presenza di sintomi.
  • Capo Verde. I voli tra l’Italia e Capo Verde sono temporaneamente sospesi.
  • Mauritius. Vietato l’accesso a chi proviene da Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna; facoltà di estendere il divieto di ingresso anche ai cittadini italiani provenienti da altre regioni.
  • Seychelles. Tutti i passeggeri che sono stati in Italia, Cina, Sud Corea e Iran negli ultimi 14 giorni non possono imbarcarsi per voli diretti alle Seychelles.
  • Zambia. Chi arriva dalle zone di contagio viene posto sotto quarantena volontaria di 14 giorni con divieto di uscire, anche in assenza di sintomi; in presenza di sintomi si viene trasportati al centro di isolamento.
  • Madagascar. Le autorità invitano i viaggiatori italiani ad annullare o posticipare il viaggio. Le compagnie aeree non imbarcarcheranno passeggeri provenienti dall’Italia.
  • Islanda. In presenza di sintomi sospetti, è necessario mettersi in contatto con la Guardia Medica (Læknavaktin) al numero 1700 con il medico più vicino.
  • Israele. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena.
  • Mongolia. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena.
  • Thailandia. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena.
  • Giordania. Vietato l’ingresso a tutti i viaggiatori italiani e/o provenienti dall’Italia.
  • Iraq. Ingresso vietato ai viaggiatori italiani.
  • Kuwait. Il traffico aereo da/per l’Italia è al momento sospeso.
  • Kazakistan. Quarantena domiciliare obbligatoria di 14 giorni per chi proviene dall’Italia, a partire dal 1 marzo.
  • Kirghizistan. Quarantena per i viaggiatori provenienti dall’Italia di quattordici giorni.
  • Turkmenistan. Sospensione del rilascio del visto di ingresso ai viaggiatori italiani.
  • Cina. Quarantena di 14 giorni per i viaggiatori italiani e/o provenienti dall’Italia.
  • India. Chi arriva dall’Italia potrebbe essere sottoposto a quarantena obbligatoria di 14 giorni.
  • Vietnam. Eventuali misure restrittive all’ingresso, fino al respingimento, anche senza preavviso.
  • Samoa. Chi arriva (o transita) dall’Italia viene ammesso nel paese solo se in possesso di certificazione medica aggiornata e dopo aver trascorso almeno 14 giorni di quarantena in un Paese in cui non siano presenti casi di Coronavirus.
  • Cuba. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena in presenza di sintomi.
  • Martinica. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena in presenza di sintomi.
  • Brasile. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena in presenza di sintomi.
  • Colombia. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena in presenza di sintomi.
  • Argentina. Avvisi di screening all’arrivo ed eventuale quarantena in presenza di sintomi.
  • El Salvador. Ingresso vietato a chi proviene dall’Italia.
  • Nicaragua. Chi proviene dall’Italia è posto in isolamento, in presenza di sintomi sospetti; se non sono presenti sintomi di alcun tipo, le autorità hanno comunque richiesto di indicare gli spostamenti per 14 giorni.
  • Antigua. Sospesi i voli charter Blue Panorama in partenza da Milano.

Per aggiornamenti in tempo reale consultate il sito Viaggiare Sicuri, gestito dal Ministero degli Affari Esteri.

2 Comments

    1. Il mio è un blog non una testata giornalistica. I post sono scritti e/o aggiornati, quando possibile, senza alcuna periodicità. Per aggiornamenti in tempo reale, come già suggerito nel post, è preferibile consultare il sito Viaggiare Sicuri, gestito dal Ministero degli Affari Esteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.