Come si viaggia a bordo di Italo Treno: la mia esperienza “smart”

Ho sentito parlare di Italo Treno da quando è nato eppure non avevo mai avuto l’occasione di provarlo. Il treno è uno dei mezzi di trasporto che preferisco. In un articolo scritto alcuni anni fa vi avevo parlato del perché amo viaggiare in treno e dopo aver accumulato altri e tanti stancanti viaggi in aereo, tra scali infiniti e lunghe attese, stress per il numero e il peso di valigie e bagagli a mano, code, file e ancora biglietti, check in e controlli di sicurezza, non posso che confermare la mia preferenza per un modo di viaggiare che in un certo senso rispecchia e rispetta il ritmo naturale del tempo.

Così, due mesi fa salgo per la prima volta su un treno Italo in occasione di un viaggio da Milano Centrale a Salerno e voglio raccontarvi com’è andata. I prezzi rispetto a Trenitalia erano decisamente più convenienti e avevo approfittato di una promozione estiva che offriva uno sconto sui biglietti fino al 40%. Avrei viaggiato con il mio gattino per cui prima di tutto mi ero informata sul trasporto di animali e con mia sorpresa avevo scoperto che per piccoli animali come un gattino il trasporto era gratuito.

Bene, prenoto un biglietto Italo Treno in ambiente Smart e il treno parte puntuale dalla stazione di Milano Centrale all’ora prestabilita. Dopo un paio di ore iniziano i problemi, però. Primo perché nella mia carrozza non c’era l’aria condizionata. Voglio dire, viaggiare in una carrozza piena di persone in piena estate senza aria condizionata è da galera. E poi ritardo di un’ora! Tanto, troppo soprattutto se si viaggia con un animale chiuso in un trasportino e senza aria condizionata.

Non vi nego che ero abbastanza preoccupata ma, anche grazie ai comprensivi passeggeri che avevo vicino e che me l’hanno consentito, ho tenuto il trasportino aperto e non ci sono state conseguenze. Certo, “cose che capitano”, “un’ora di ritardo non è la fine del mondo” ma quando senti altri passeggeri abituali lamentarsi dei frequenti ritardi di Italo inizi a pensare che forse non si tratta solo di sfortuna! E vogliamo parlare dei sedili… davvero stretti e in ecopelle scadente? Una sudata pazzesca.

Insomma, viaggio interminabile da dimenticare se non fosse per la wifi gratuita a bordo che ho usato soprattutto per ascoltare musica e chattare e… la rivista, in cui ho trovato alcune letture interessanti. Va meglio il ritorno. Il mio Italo Treno parte puntuale dalla stazione di Salerno e arriva a Milano all’orario prestabilito. Il viaggio scorre abbastanza tranquillo e senza intoppi. Solo un ritardo di 10 minuti! Anche stavolta faceva veramente caldo, però, e ho dovuto sollecitare il personale per far regolare meglio l’aria condizionata.

Per il resto ho utilizzato la WiFi gratuita per lavorare, ho ricaricato il computer e lo smartphone grazie alle prese installate nella mia postazione, ho ammirato degli splendidi paesaggi, sono riuscita a fotografare il tramonto e sono rimasta colpita dal design futuristico della stazione di Reggio Emilia… davvero particolare. Se consiglio Italo Treno? Nonostante il caldo che mi ha fatto patire, direi di sì. I treni sono nuovi, puliti e i prezzi decisamente competitivi!

[ In questo momento mi trovo a bordo di un altro Italo stavolta in ambiente Prima. Vi racconterò! ]

7 Commenti

  1. Antonio Casu

    Ciao, Marianna!
    Il tuo viaggiare mi stupisce sempre, per le meraviglie, che con maestria sai sempre raccontare, per le emozioni che vivi con trasporto e che attraverso te anch’io vivo grazie anche all’aiuto, delle tue bellissime foto! Quindi anche questa tua esperienza in treno con Italo è stata assai interessante e soprattutto gradita, anche per la tua capacità di esprimere commenti negativi nei confronti del servizio offerto da Italo, ma che sono stati costruttivi visto che la tua lamentela, espressa praticamente in diretta su FB, è stata prontamente ascoltata tant’è che l’organizzazione di Italo si è scusata e con i tuoi compagni di viaggio del momento, per il ritardo e per il problema con l’aria condizionata!
    Grazie ancora e a presto!

  2. ciro tapioca

    Con Italo non ho mai avuto particolari inconvenienti, in compenso il wifi è farlocco, dà sempre il segnale massimo ma non funziona, le pagine web non si aprono. Inoltre, se non prenoti con largo anticipo i prezzi sono più o meno come trenitalia.

  3. Vi racconto la mia pessima esperienza con Italo treno, in particolare sulla prenotazione del biglietto,andando sul sito italo, si apre la finestra per inserire i dati personali della persona che deve viaggiare, e i dati della carta di credito per il pagamento on-line, alla fine della transazione dopo aver inserito i dati sensibili della miacarta, il sistema mi rifiuta l’operazione con un errore non meglio specificato, dopo vari tentativi, il loro sistema non mi accettava in alcun modo la Transazione. Nel frattempo perdo il treno italo per bologna! Un sms mi avvisava della transazione di pagamento accettata a favore di trenitalo con successo?! Mi rivolgevo direttamente al box informazione dove mi rilasciavano informazioni sommare e con il consiglio che di acquistare il biglietto direttamente presso i punti italo treno presenti in stazione. Evitare di acquistare il biglietto su interrnet , specie con i motori di ricerca , an he lì è una babele di fantomatiche e pseudonimi agenzie che promettono sconti al ribasso! Risultato della mia esperienza personale moltonegativa in termini di spese e di perditempo. Treno italo? Un consiglio, migliorate i servizi specie su internet!

    1. Ciao Maurizio, grazie per essere passato e aver lasciato la tua testimonianza. Mi dispiace molto per l’esperienza negativa che hai vissuto e spero che Italo la prenda seriamente in considerazione per migliorare i suoi servizi ed evitare che cose simili continuino a succedere in futuro. Un caro saluto

  4. Luigi

    sono anni che viaggio con italo ho provato tutti gli ambienti e non mi posso lamentare mai un ritardo solo a febbraio per la neve sono arrivato con due ore e mezzo di ritardo ma non solo.italo anche trenitalia portava ore di ritardo, dopo meno di trenta giorni ho ricevuto anche il rimborso senza aver fatto domanda quindi per me italo va bene

  5. Marco s

    Lo devo prendere per la prima volta anche io per salerno verso fine agosto. Spero che vada tutto bene. Costa meno di trenitalia e ci mette meno ad arrivare. Prima costa solo due in più della smart.

  6. Susanna Pascoli

    Ho viaggiato da Firenze a Venezia giovedi 6 settembre. Salendo in carrozza sono passata da un clima tipicamente estivo ad uno tipicamente polare. Le cose sono peggiorate durante il viaggio quando la temperatura è scesa ulteriormente e il maglioncino di cui mi ero dotata si è dimostrato del tutto insufficiente. Attorno a me tutti cercavano di coprirsi alla meglio e chi era fornito di felpa si sollevava perfino il cappuccio.
    L’esito di tutto ciò sono stati due giorni a letto con la febbre.
    Ho avuto modo di ascoltare anche altre persone in merito che mi hanno confermato che più volte nei loro viaggi con Italo si aspettavano di veder arrivare i pinguini.
    Vorrei ricordare ai gestori che durante un viaggio in treno non viene svolta attività fisica più dispendiosa in termini calorici di una lettura, un ascolto di musica o una lavoro al computer perciò un medio abbassamento della temperatura è più che sufficiente. Non mi si citi poi la teoria del tutto o nulla cioè aria sì o aria no perchè in un tempo in cui è possibile controllare il microclima perfino in una risonanza magnetica non mi si dica che non lo si può fare in un treno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.