Come scegliere il nome giusto per il tuo blog di viaggi

Hai finalmente deciso: vuoi aprire il tuo blog di viaggi! Bene, scommetto che la prima cosa che hai iniziato a fare è fantasticare sul nome da dargli. Se non sai come scegliere il nome per il tuo blog di viaggi, sei nel posto giusto. In questa guida in 10 step, che scaturisce da anni di esperienza sia nella realizzazione di siti web che di contenuti, provo a darti qualche consiglio per scegliere un nome giusto per il tuo blog di viaggi che possa rispecchiare il più possibile la mission del tuo blog ma anche essere accattivante ed intuitivo, ma soprattutto originale.

Come scegliere il nome di un blog di viaggi

1. Definisci la tua nicchia

Prima di scegliere il nome del tuo blog, bisogna ragionare su una scelta, forse anche più importante: la tua nicchia. Non puoi scegliere un nome senza aver chiara questa cosa, perché avresti difficoltà a trovarne uno adeguato  credimi. Sapere di cosa parlerà il tuo blog, infatti, è fondamentale e bisogna deciderlo prima così da agevolare anche la scelta del nome. Se ti stai chiedendo come fare a trovare la nicchia del tuo sito, beh, non è affatto semplice ma dovresti provare a capire qual è il settore di viaggio che ti piace di più: avventura, natura,  città d’arte? La scelta dipende solo da te e da quali sono i tuoi interessi.

2. Trova un nome che ti piace

Forse ti sembrerà un consiglio banale ma devi scegliere un nome che ti piace. Certo, bisogna pensare al riscontro e all’impatto che può avere rispetto all’utente che lo legge ma il nome deve innanzitutto piacere a te perché non potrai cambiarlo, o meglio, potrai sempre cambiarlo ma in questo caso ci sarebbe una serie di effetti collaterali da tenere in considerazione. Quindi  l’ideale è trovarne direttamente uno giusto, con il quale trovi del feeling e riesci ad instaurare una certa familiarità fin dall’inizio.

3. Trova un nome che duri nel tempo

Oltre a piacerti, per scegliere un nome giusto per il tuo blog di viaggi, dovresti cercare di essere il più possibile lungimirante rispetto al futuro. No, non ti sto chiedendo di dotarti di una sfera di cristallo ma semplicemente di trovare un nome che sia duraturo nel tempo. Ti faccio un esempio: se pensi di scegliere il nome del tuo blog di viaggi basandosi sul fatto che ti viaggi senza prendere l’aereo e poi cambi idea e vuoi iniziare a viaggiare anche in aereo; se vuoi parlare solo di viaggi avventurosi zaino in spalla e ti mancano le comodità, come fai? Meglio svincolarsi da scelte troppo rigide e puntare a qualcosa di più generico, cercando comunque di preservare l’originalità.

4. Scegli un nome facile da ricordare

Scegliere un nome del blog che piaccia prima di tutto a te è importante ma devi anche trovare il modo di farti ricordare e riconoscere tra tanti ormai milioni di blog esistenti sul blog. Il web sforna nuovi travel blog ogni giorno, che raccontano viaggi di ogni tipo e gli utenti spesso finiscono per confondersi e non memorizzano i loro nomi: perché sono difficili, oppure poco intuitivi o troppo sofisticati. Meglio quindi optare per qualcosa di efficace che sia facile da pronunciare e da ricordare.

5. Cerca di distinguerti dalla massa

Lo so, ormai è diventato difficile scegliere un nome per il tuo blog di viaggi che sia totalmente originale e che ti consenta di distinguerti davvero. Tuttavia, ti consiglio di evitare di copiare o emulare il nome di altri blog. Quando ho aperto Ti racconto un viaggio, il nome mi piaceva parecchio ed era unico. Ha avuto successo immediato e qualcuno deve aver pensato che fosse merito del nome per cui ha pensato (male) di emularlo, aggiungendo qua e là qualche articolo. Credo abbia commesso un grave errore, in primis perché il successo di un blog non sta (solo) nel nome e, inoltre, perché alla fine si ritrova con un nome senza anima.

6. Evita nomi troppo lunghi

Oltre a consigliarti come scegliere il nome del tuo blog di viaggio devo necessariamente darti qualche consiglio anche su come non scegliere o meglio su quali nomi evitare di scegliere. Su tutti, i nomi lunghi. Le ragioni sono differenti e ognuna abbastanza valide. Intanto, se un nome è troppo lungo diventa difficile sia da pronunciare che da ricordare e, poi, perde la sua funzione di “marchio” e di catalizzatore sia per i tuoi potenziali lettori che per i potenziali commintenti. Meglio limitarsi ai 10-20 caratteri e a non più di 2-3 parole.

7. Non usare trattini, simboli e numeri

Da evitare come la peste sono poi tutti quei nomi che contengono trattini, simboli e numeri (a meno che tu non abbia delle motivazioni particolari). Dopotutto, perché scegliere il nome “viaggiaconpaola85” quando puoi scegliere direttamente “viaggiaconpaola”? Perché chiamare il proprio blog “”in-viaggio-con-il-cane” quando puoi usare “inviaggioconilcane”. Oltre che più scomodo da pronunciare e da scrivere soprattutto, non suona neanche tanto bene e difficilmente qualcuno se lo ricorderà.

8. Opta per estensioni “.it” e “.com”

Un passaggio importante nella scelta del dominio, riguarda poi l’estensione. Oggi ne esistono davvero tante e possono avere prezzi diversi per cui risultare più o meno convenienti. Ai “.info”, “.net” e “.biz”, però, io ti consiglio di preferire i domini con estensione “.it” e “.com” perché risultano più professionali e più riconoscibili. Di solito, per un sito privato l’ideale è optare per l’estensione “.it”. Il “.com” che indica la parola “commercio”, invece, può essere più adatto al sito di un’azienda in cui ci sono dei prodotti in vendita.

9. Verifica la disponibilità sui social

Questo è un punto che può passare inosservato ma  è importante quanto gli altri. Una delle prime cose che farai dopo aver deciso di aprire il tuo blog è  infatti, quella di aprire anche i relativi canali social. Per questo, una volta scelto, sarebbe il caso di verificare la disponibilità del nome su facebook, twitter e instagram perché qualcuno potrebbe averne aperto uno proprio con il nome che intendi dare al tuo blog, o magari anche simile, cosa che alla lunga creerebbe confusione nei lettori.

10. Hai deciso il nome? Controlla se è libero

Sei riuscito a scegliere il nome del tuo blog di viaggi che ti descrive e rappresenta meglio? Bene, ora devi solo controllare se è disponibile. Per farlo puoi rivolgerti a DomanisBot, un servizio online pensato appositamente per lo scopo in questione e grazie al quale è anche possibile ottenere delle idee alternative (utili in caso di dominio occupato!) in base alle parole chiave digitate nel campo di ricerca. Se il dominio è libero, c’è un ultimo passaggio fondamentale da compiere: scegliere e acquistare un hosting, lo spazio su Internet da affittare annualmente per ospitare il tuo blog di viaggi.

Vuoi che lo faccia io per te? Contattami per un preventivo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.