7 cose da fare in Val Brembana in un weekend tra terme, borghi, sapori e natura

Da quando vivo a Milano, sempre più spesso, soprattutto d’estate, mi capita di avere il desiderio di fuggire dalla città e rifugiarmi in montagna, collina, valle che sia e non solo per trovare un po’ di sollievo dal caldo ma anche (e forse soprattutto) per respirare un po’ di pace e scoprire le bellezze della natura in un clima di tranquillità e quiete, esteriore ed interiore. Così, approfittando del fine settimana e del mio anniversario di matrimonio ho organizzato un breve viaggio in Val Brembana, una valle incantata in provincia di Bergamo, curiosa di conoscerla un po’ meglio. Eccomi pronta quindi per raccontarvi cosa fare e cosa vedere in Val Brembana in un weekend, da trascorrere tra natura, storia, borghi, sapori locali e paesaggi incontaminati.

Cosa fare in Val Brembana in un weekend

1. Rilassarsi alle Terme di San Pellegrino

Il nostro punto di partenza del weekend in Val Brembana è stato questo: la città di San Pellegrino Terme. Era un po’ che avevo intenzione di andarci ed eccomi qui a raccontarla. Sicuramente tra le cose da fare in Val Brembana in un weekend, una visita a San Pellegrino ed, in particolare, alle sue antiche terme, vi sorprenderà. Probabilmente, come me, la raggiungerete senza particolari aspettative per poi scoprirne via facendo luoghi e attrazioni uniche ed interessanti via via lungo il percorso. Non mi dilungo nella descrizione perché qui trovate un post dedicato su cosa vedere a San Pellegrino in un giorno e sicuramente troverete tutte le informazioni di cui avete bisogno per trascorrere una giornata all’insegna della scoperta e del relax.

2. Scoprire il borgo Cornello dei Tasso

Un’altra delle cose da fare in Val Brembana è una passeggiata alla scoperta del borgo di Cornello dei Tasso. Arrivarci rappresenta già di per sé metà della scoperta grazie al meraviglioso panorama che offre il percorso e, una volta arrivati in cima, sarà bellissimo ritrovarsi in questo piccolo mondo parallelo dove il tempo sembra essersi fermato. Sì, lo so, l’espressione è abusata ma descrive alla perfezione l’atmosfera che si respira a nel borgo. Delle cose da vedere a Cornello dei Tasso ho parlato qui per cui puoi direttamente consultare l’articolo per saperne di più ed organizzare la visita.

3. Fare un’escursione a cavallo

Poco sopra il borgo di Cornello, percorrendo la stradina in salita dietro la chiesa, si trova la Scuderia del Cornello, scuola di equitazione e fattoria didattica in cui si può entrare a contatto con i cavalli ed imparare a cavalcare, in un contesto ambientale davvero unico, dal giro con i pony per i più piccoli, che possono partecipare anche a campi estivi e giornate ricreative a contatto con la natura e gli animali, a vere e proprie lezioni di equitazione per principianti ed esperti, ed escursioni a cavallo di diversa difficoltà. Per maggiori informazioni e per mettersi in contatto con i responsabili della Scuderia, vi lascio il link alla loro pagina Facebook.

4. Assaggiare le specialità locali

Non può essere completo un weekend in Val Brembana senza fermarsi ad assaggiare le specialità locali. Come molti di voi già sapranno, i casoncelli alla bergamasca sono un must da queste parti per cui vanno assolutamente provati. Ma c’è tutto un mondo di sapori che deve essere scoperto, dal famoso formaggio branzi, alla base di numerosi piatti tradizionali, su tutti la polenta taragna, servita calda e filante, insieme alla cacciagione ad altri meno noti come i nosecc, involtini di verza ripieni di carne o formaggio.

5. Rinfrescarsi nel fiume Brembo

In pochi sanno che il fiume Brembo può essere un ottimo spot per in bagnetto rinfrescante. Soprattutto con l’arrivo delle giornate estive, per fuggire dalla calura, immergersi nelle acque del fiume rappresenta una delle cose da fare in Val Brembana, un’esperienza interessante e diversa dal solito da provare, però, con le dovute precauzioni. Il Brembo, infatti, così come gli altri fiumi bergamaschi è di tipo torrentizio. Questo vuole dire che possono esserci dei repentini sbalzi di livello d’acqua e rendere complicata la risalita. Meglio essere prudenti ed evitare di avventurarsi al largo in nuotate impegnative, quindi.

6. Conoscere le origini di Arlecchino

Lo sapevi che è qui nella Val Brembana che nasce la famosa maschera di Arlecchino? E se la cosa non fosse ancora chiara a qualcuno, ci pensa una statua a ricordarlo a tutti gli automobili che circolano nella rotatoria di Villa d’Almè, porta d’ingresso in Val Brembana. È la statua dell’Arlecchino più grande del mondo, alta quasi 4 metri e circondata dalla scritta: “Valle Brembana, terra di Arlecchino”. In realtà per mettersi sulle tracce di questa simpatica maschera bergamasca, bisogna raggiungere il piccolo borgo di Oneta, dove ha sede una casa museo dedicato completamente ad Arlecchino in cui si possono scoprire e ripercorrere le sue origini, la sua storia ed il legame con la Val Brembana.

7. Dormire in mezzo alla natura

Siamo arrivati alla conclusione del post mq di cose da fare in Val Brembana ce ne sarebbero ancora tante da condividere. Per ora mi fermo qui ma voglio darti un ultimo suggerimento. Se non sai dove dormire durante il vostro weekend, scegli un alloggio immerso nella natura, protagonista di queste valli. Per me è stato stupendo alzarmi la mattina e godere di questa vista sulle e sono sicura che proverai le stesse emozioni. Booking ti aiuterà nella ricerca e grazie al programma “Affiliate partner” al quale sono iscritta, potrai accedere ad incredibili “deal” (affari) sulla tua prenotazione. Provare per credere!


Booking.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.