5 quartieri di Rimini che hanno una storia curiosa da raccontare

Una vacanza a Rimini non può essere di solo mare perché, sebbene la capitale balneare della Riviera Romagnola sia conosciuta soprattutto per le sue spiagge attrezzate e la movida notturna, ha anche altro da offrire. I dintorni di Rimini, ad esempio, a partire dai rioni e le frazioni vicine nascondono luoghi molto interessanti da visitare e sarebbe un peccato non cercare di conoscerli meglio. Spesso scelti solo per alloggiare a Rimini, questi 5 quartieri cittadini hanno tutti una storia curiosa da raccontare.

1. Viserba e la fonte Sacramora

Vivace quartiere settentrionale di Rimini, Viserba è passato dall’essere un borgo di pescatori ad una rinomata località balnerare  tra le più frequentate dai turisti anche grazie alla presenza del Parco Italia in miniatura che tutti conoscono. Quello che molti non sanno di Viserba, invece, è che le acque che lattraversano sono acque miracolose, su tutte la famosa fonte Sacramora dalle proprietà diuretiche e digestive alla quale si può accedere liberamente per alcuni sorsi dissetanti o con appositi raccoglitori da riempire e conservare.

2. Miramare e lo “stronz d’Urland”

Mirare, il quartiere più a sud di Rimini, non si è sempre chiamato così. Conosciuto in età romana come “Terzo” perché posto al terzo miglio della strada consolare Flaminia, la storia di Miramare è segnata da un antica pietra militare, ancora visibile meglio nota con il soprannome di stronz d’Urland. L’origine di questo soprannome non è certa ma si suppone che vista la forma e le dimensioni, il riferimento sia al famoso paladino Rolando e alla grandezza sua e dei suoi “bisogni”.

3. Borgo San Giuliano e Federico Fellini

Caratteristico borgo nato come villaggio di pescatori, oggi a metà strada tra progresso e tradizione, Borgo San Giuliano è un luogo unico in cui si respira unatmosfera magica. A confermarlo era il famoso Federico Fellini, cittadino illustre, che sempre ne ha elogioto la bellezza tanto da eleggerlo suo quartiere preferito e raccontarlo nei suoi film. Oggi la testimonianza del forte legame tra il borgo e il regista riminese rivive ancora nei murales, dipinti dagli artisti riminesi, che omaggiano la sua vita e le sue opere.

4. Viserbella e il Museo del Mare

La piccola frazione di Viserbella oltre che per i 2 chilometri di spiaggia dorata è conosciuta per la presenza di un caratteristico Museo delle Conchiglie e della Marineria, voluto e realizzato nel 1999 da un gruppo di cittadini. Questo curioso museo consente un’immersione virtuale nei fondali marini di Rimini e nella loro storia attraverso il recupero di reperti di vario genere, compresi una gran quantità di conchiglie, oltre seicento attrezzi e reti da pesca usati dai marinai e tanto materiale fotografico. 

5. Torre Pedrera e le sue antiche origini

Quartiere verdeggiante a nord di Rimini, Torre Pedrera ha una storia molto antica. A dircelo è il suo nome legato per la prima parte ad una torre ancora visibile nei pressi della spiaggia. Una torre austera le cui origini vanno fatte risalire ai saraceno ma che fu potenziata su richiesta del Papa per essere punto di osservazione della zona per proteggersi da eventuali attacchi. La seconda parte del nome, invece,  “Pedrera”  richiama quello di un vecchio fiume ormai prosciugato, nel cui fondale furono prelevate le levigate pietre usate per la costruzione della torre stessa e delle mura difensive della località.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.