5 cose da vedere nel quartiere Brera, il Marais di Milano

Sono tornata a Milano per la terza volta e finalmente, per la prima volta “ho visto Milano”. Sì, perché non tutti viaggi escono con il buco e non sempre si riesce a vedere le cose come si dovrebbe. Non solo per la fretta (avere poco tempo a disposizione è sempre molto frustrante per un viaggiatore) ma anche per la maturità con cui si visita un luogo. Se non c’è la giusta predisposizione mentale a “vedere”, difficilmente si potrà capire. E stavolta credo di aver capito che Milano è davvero molto più del Duomo e della Galleria Vittorio Emanuele II.

Milano è anche rilassanti spazi verdi, angoli di storia in cui ti imbatti senza volerlo e senza saperlo, palazzi storici, botteghe artigianali e stradine silenziose che ti permettono di fare un viaggio nel passato, pur restando nel presente moderno e tecnologico di una metropoli che, al pari delle più famose e popolate del mondo, non dorme (quasi) mai. E ci sono quartieri come quello di Brera in cui vagabondare e perdersi non è solo possibile ma necessario per comprendere la bellezza di posti come questi che più di tutti mi sono rimasti nel cuore.

1. La Chiesa di San Marco

quartiere_brera_milano_chiesa_san_marco

Situata in una delle zone più caratteristiche e animate di Brera è la Chiesa rossa di San Marco. Oltre ad essere un’attrazione molto amata dai frequentatori del quartiere e dai turisti che visitano Milano, la chiesa di San Marco è stata anche dimora di personaggi illustri del passato come Mozart e Verdi che vi diresse la Messa da Requiem per Alessandro Manzoni nel 1874. Non dimenticate di entrare per ammirare i suoi affreschi meravigliosi, su tutti la Pentecoste di Carlo Urbino.

2. L’Antica Farmacia di Brera

antica_farmacia_brera_milano

In pochi conoscono l’esistenza di questa farmacia in via Fori Oscuri eppure si tratta di una delle farmacie più antiche e più longeve di Milano, fondata dai Padri Gesuiti nel lontano 1561 come spezieria che divenne poi famosa per i suoi medicamenti a base di erbe medicinali e aperta al pubblico qualche secolo dopo nel 1812. Affacciatevi nella vetrina per ammirare i banconi e le teche in legno… e date un’occhiata alla targa all’esterno che omaggia Carlo Erba, farmacista che ha dato origine alla prima industria italiana di medicinali.

3. La Pinacoteca di Brera

pinacoteca_brera_milano

Durante la vostra visita al quartiere Brera non dimenticate di andare a visitare la Pinacoteca di Brera situata al primo piano del monumentale Palazzo Brera dove decine e decine di persone arrivano ogni giorno per ammirare le bellezze di capolavori del Rinascimento italiano come la Madonna col Bambino di Bellini, la Crocifissione del Bramantino oppure lo Sposalizio della Vergine di Raffaello e di opere di alcuni celebri pittori stranieri, quali Rubens e Rembrandt.

4. L’Orto Botanico

orto_botanico_brera_milano

Ma chi l’ha detto che Milano è solo smog, palazzi e cemento? Ci sono moltissimi spazi verdi in città che in pochi conoscono. Uno di questi è proprio l’orto botanico di Brera gestito dall’Università degli Studi di Milano, assolutamente imperdibile se siete a Milano. L’atmosfera rilassante, i suoi colori, i profumi e la grande varietà di specie botaniche al suo interno vi regalerà una piacevolissima esperienza a contatto con la natura e vi darà un’immagine del capoluogo lombardo un po’ diversa da quella stereotipata.

5. La Chiesa S. Maria del Carmine

chiesa_carmine_brera_milano

Una delle piazze più belle di Milano è senza dubbio la suggestiva Piazza del Carmine che introduce alla Chiesa di Santa Maria del Carmine, costruita dai Carmelitani a partire dal 1339, assolutamente da visitare sia per la facciata esterna (che ha molte similitudini con quella della Chiesa di San Marco) sia per l’interno con le sue tante cappelle di epoche diverse. Pare che questa chiesa sia meta di pellegrinaggio per tutti quegli studenti preoccupati per interrogazioni e pagelle e bisognosi di chiedere aiuto a Sant’Espedito.

Interessante, vero? Clicca qui per prenotare un tour completo del quartiere Brera a Milano e scoprirne tutte le sue bellezze accompagnato da una guida turistica professionale.

Un commento

  1. Anna Maria

    Condivido pienamente la tua premessa; a me è capitato di visitare Verona in tappe diverse e solo lo scorso anno ho “assaporato” i luoghi percorsi. Qst tua presentazione della città di Milano è a dir poco incantevole, non esagero perché si riesce a leggere le semplici e peculiari descrizioni attraverso il tuo”vedere” e mediante le foto che ci regali. Brava Marianna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.