I 10 posti più belli da visitare in Sicilia

La Sicilia è una delle regioni più visitate ed amate, per il suo cibo, mare, cultura, storia. Le cose da vedere sono sicuramente tantissime ma queste 10 destinazioni uniche e differenti l’una dall’altra, seppur nella stessa regione, sono sicuramente un ottimo punto di partenza. Se volete pianificare una vacanza in Sicilia, potrete trovare offerte vantaggiose sul sito Voyage Privé. Ma cosa non dovete assolutamente perdervi durante una vacanza sull’isola siciliana? Ecco, secondo me, me i 10 posti più belli da visitare in Sicilia.

I 10 posti più belli da visitare in Sicilia

1. Agrigento e la Valle dei Templi

La città di Agrigento è ricca di storia e cultura, soprattutto il centro storico con la sua architettura barocca, ma offre anche diverse spiagge, isole paradisiache ed acque trasparenti e la Valle dei Templi, conosciuta nel mondo e visitata da migliaia di turisti ogni anno:  affascinanti manufatti greci circondano i sette templi risalenti al VI e V secolo A.C., tra i quali il Tempio della Concordia, imponente ed intatto,  circondati da ulivi secolari. Se capitate a febbraio, non perdetevi il Festival del mandorlo in fiore. La Valle dei Templi è dal 1997 Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Agrigento

2. Le Isole Eolie

Inserite nel 2000 come Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, sono 7 isole situate al largo della costa settentrionale siciliana, di origine vulcanica: Panarea, Stromboli, Vulcano, Alicudi, Filicudi, Lipari e Salina.  Vulcani ancora attivi a Stromboli e Vulcano rendono le isole ancora più affascinanti, con spiagge bellissime e cucina mediterranea pura: pesce e frutti di mare a volontà!

Isole Eolie

3. Lampedusa

Più vicina all’Africa che alla Sicilia, tra Malta e la Tunisia, troviamo la piccola isola di Lampedusa. Appartenente alle isole Pelagie, insieme a Lampione e Linosa, Lampedusa ha la spiaggia votata come la migliore del mondo, la Spiaggia dei Conigli, nella zona meridionale dell’isola: sabbia bianca effetto talco, acque trasparenti, pulite e cristalline ed un basso fondale la rendono ideale per gli amanti del mare bello.  Di fronte alla spiaggia è presente un isolotto, monitorata 24 h al giorno per proteggere le tartarughe che vi nidificano. Altre spiaggie totalmente diverse rendono unica questa isola: a voi scoprirle!

4. Egadi

A 7 km dalla costa siciliana, tra Trapani e Marsala, troviamo queste 3 isole che, insieme  a 2 isolotti ed una manciata di scogli e faraglioni, formano l’arcipelago delle Egadi. Note sin dall’antichità come Aegates – isole delle capre – sono Riserva Naturale. Le 3 isole più grandi, Favignana, Levanzo e Marettimo, sono le uniche abitate ed offrono un mare a dir poco caraibico, considerato Area Marina Protetta. Poche spiagge sabbiose, tante cale rocciose, grotte nascoste e scorci unici rendono queste isole una meta assai ambita, quasi d’elitè per le poche strutture ricettive presenti.

5.  La Val di Noto

Inserita nel 2002 come Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO, per “un’eccezionale testimonianza dell’arte ed architettura tardo barocca e barocca in Europa”, la Val di Noto ospita le 8 cittadine di Caltagirone, Militello Val di Catania, Catania, Noto, Modica, Palazzolo, Ragusa e Scicli che sono il risultato e l’espressione di opere architettoniche ed artistiche di grande livello: si tratta di splendide città in miniatura, con centri storici ricchi di palazzi e chiese barocche.

Val di Noto

6. Erice

Piccolo gioiellino in pietra costruito sull’omonima montagna, Erice è inserito nei borghi più belli d’Italia e ricca di cultura e fascino, grazie anche alle influenze Fenicie, Normanne e Romane. Raggiungibile da Trapani con una comoda funivia, che in 10 minuti la collega alla rocca a 750 metri di altitudine, è facilmente visitabile e piacevole girarla perché anche in piena estate risulta molto ventilata. La vista dal Castello è a 180° ed a dir poco mozzafiato: va dal Monte Cofano fino a San Vito Lo Capo da una parte e arriva fino alle Saline di Trapani e le Egadi dall’altra.

7. Riserva Naturale dello Zingaro

Prima area protetta della Sicilia, è un vero e proprio paradiso naturalistico situato nel Golfo di Castellammare. Ricca di Flora e Fauna, offre 3 sentieri differenti l’uno dall’altro: il primo, costiero di circa 7 km, collega l’ingresso nord di San Vito Lo Capo all’ingresso sud di Scopello, circa 2  h di camminata attraverso natura e calette dall’azzurro indimenticabile; il secondo sentiero viene chiamato di mezza costa: lungo 8.5 km e con una durata di 4 h 30, parte dall’ingresso sud e sale verso la montagna a circa 300 metri sul livello del mare; l’ultimo sentiero è chiamato il sentiero alto: partendo sempre dall’ingresso sud, questo percorso è lungo 17.5 km e con una durata di 7 ore, adatto agli amanti del trekking  e della montagna, poichè si raggiungono altitudini tra i 500 ed i 900 metri sul livello del mare

8. Il circuito arabo-normanno

L’itinerario architettonico arabo normanno, inserito da poco nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, è compreso  tra Palermo Cefalù e Monreale e comprende 7 monumenti civili e religiosi a Palermo ( Palazzo Reale con la Cappella Palatina, chiesa di San Giovanni degli Eremiti, chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio – detta della Martorana, chiesa di San Cataldo, Palazzo della Zisa, Ponte dell’Ammiraglio, Cattedrale), la Cattedrale di Cefalù ed il Duomo di Monreale. Si tratta di profonde ed importanti tracce arabe e normanne rimaste vive grazie all’architettura di questi splendidi edifici.

La Cattedrale di Palermo: il circuito arabo-normanno, settimo sito Unesco in Sicilia

9) Monte Etna

Patrimonio Mondiale dell’UNESCO dal  2013 per il suo valore culturale, scientifico e geologico e per la sua attività vulcanica millenaria,l’Etna è uno dei pochi vulcani ancora attivi , nonché il più grande in Europa. E’ meta di turisti che, con guide turistiche specializzare e fuoristrada, giungono ai crateri più alti per ammirare dei regali della natura e per sciare ammirando il mare davanti a sè.

Monte Etna

10. L ‘Ortigia e Siracusa 

L’Ortigia è l’antica città di Siracusa. Si tratta di un’isola collegata alla terraferma da un ponte. Ricca di storia, cultura e fascino, grazie ai suoi edifici, è Patrimonio mondiale dell’ UNESCO dal 2005. Da non perdere i resti dell’Anfiteatro Romano, del Teatro Greco e del Tempio di Apollo.

Necropoli Pantalica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.