10 cose che non ho mai capito dei social e di chi li frequenta

Sono anni che utilizzo i social, tra alti e bassi, soddisfazioni e malumori e, tra un post e l’altro, ogni tanto mi faccio delle domande. Qualche volta trovo pure una risposta eh ma ci sono delle cose che non capirò mai.


Leggi anche: 5 cose da sapere su Instagram se stai pensando di iscriverti

10 cose che non capirò mai dei social

1. Non capirò mai perché la gente si lamenta di continuo della fuffa che gira quando poi segue personaggi improbabili che di fuffa campano e riescono pure a vendergliela

2. Non capirò mai perché tutti dicono di apprezzare i contenuti ma alla fine sono pochi quelli che hanno voglia di leggerli, condividerli e confrontarsi sulle cose serie

3. Non capirò mai perché la normalità è così fuori moda e tutti si ostinano ad inseguire la perfezione pur sapendo che non esiste e che quella che vedono è solo finzione

4. Non capirò mai perché le persone sono così attratte dalla vita degli altri, e cercano morbosamente di conoscerne ogni dettaglio invece di costruirsene una interessante

5. Non capirò mai il bisogno di dover per forza comunicare pubblicamente qualsiasi cosa si fa e qualunque cosa si pensa su tutto quello che accade nel mondo

6. Non capirò mai perché c’è gente che nemmeno ti conosce e ti segue che compare dal nulla all’improvviso e si permette di giudicare e offendere in modo gratuito

7. Non capirò mai che ci stanno a fare sui social quelli che non fanno altro che parlare di sé stessi e dei loro successi e di socializzare davvero con gli altri non gli interessa niente

8. Non capirò mai perché le persone intelligenti che la testa la sanno far funzionare in autonomia non riescono a ritrovarsi tra loro e a fronteggiare insieme le idiozie che avanzano

9. Non capirò mai come fa la gente a non aver ancora capito che il mondo reale è fuori da questo schermo e che, da soli, i like non servono a un bel niente

10. E non capirò mai perché i social sono diventati per molti il metro di valutazione del successo. Tanto da fargli smarrire persino la dignità e l’onestà intellettuale.

Queste e altre cose non le capirò mai. Ma magari qualcuno di voi ha le mie stesse domande e riusciremo a sentirci meno soli in questo disagio!

Alzi la mano chi è con me!

E se dopo tutto questo ancora non ti è passata la voglia di usare Instagram, allora benvenuto nel club. Anche io, come te, continuo ad usarlo, nonostante tutto. Ma perché credo di avere dei contenuti di qualità da condividere che possano fare la differenza. Non è assolutamente facile emergere e diventare popolari e forse non è neanche necessario. Ciò che conta è produrre valore e avere una community, fatta di persone reali, che lo apprezzi e che sia felice di comunicare ed interagire con te, con sincerità e rispetto.

Io ci sono. Mi trovi qui @mariannanorillo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.