Il Museo del Cognome: un insolito tuffo nel passato

Addentrandosi nei vicoli del piccolo comune di Padula, a sud di Salerno e ai confini con la Basilicata, si scopre che la pietra e il passato nascondono luoghi ricchi di memoria e di tradizioni. Questa volta con Ti racconto un viaggio andiamo alla ricerca di qualcosa di curioso e originale: un piccolo museo, il Museo del Cognome.

Il Museo del Cognome è nato qualche anno fa dalla passione per la genealogia del Direttore Michele Cartusciello, cultore della storia e della tradizione locali. Tale museo è nascosto tra antichi palazzi  e perle storico – artistiche nella parte alta del borgo antico. 

Il desiderio di creare l’albero genealogico della propria famiglia, ha condotto lo stesso Michele Cartusciello a frequentare Archivi Comunali, Parrocchiali e Archivi di Stato, facendolo affermare come ricercatore archivistico e portandolo così alla scoperta di circa 500 ceppi familiari con relativa stesura di tavole genealogiche ascendenti e discendenti, e storie di famiglia.

Alcune di queste famiglie sono state anche oggetto di appuntamenti annuali, tutti denominati “Festa del Cognome”. Si tratta di raduni dedicati a famiglie che portano lo stesso cognome, comprese le varianti, gruppi che nell’arco di un’intera giornata, hanno avuto l’occasione di scoprire e conoscere parentele inaspettate nella cornice del borgo padulese. I ceppi familiari finora interessati sono stati quelli dei Padula, Pinto e Sarli.

museo_cognome_padula_campania

Il  Museo, al suo interno, regala un percorso che si snoda fra schemi e riproduzioni di atti di nascita, atti di morte, atti di matrimonio, tratti dagli archivi civili e datati 1800 e poi sempre copie di  atti di nascita, atti di morte e atti di matrimonio, tratti dagli archivi parrocchiali e datati 1600. Inoltre, si possono ammirare immagini degli atti notarili con testamenti e patti matrimoniali di circa quattro secoli fa.

Di rilevante importanza sono anche le riproduzioni di alcune liste d’imbarco di Ellis Island, con esempi di successiva naturalizzazione di emigrati, e con i censimenti degli anni ’40. Da non tralasciare il percorso dedicato al passato padulese con l’esposizione di alcune foto antiche del paese e immagini dei compaesani emigrati. 

Al suo interno, sono presenti anche una piccola biblioteca con testi riguardanti la storia locale e annessa postazione internet, a disposizione di chi è alla ricerca di qualche curiosità o semplicemente di chi è desideroso di conoscere le proprie radici. Presso lo stesso Museo in Via Largo Municipio 8 è ora possibile visitare ancge la nuova sezione “Uomini Illustri”.

Qui sono raccolti atti e liste di imbarco che svelano notizie sulle origini di alcune personalità internazionali, nazionali e locali tra cui: Papa Francesco, Garibaldi, Pirandello, Verga, Montessori, Quasimodo, Leopardi, Matteotti, Petrosino, Marone, Valente, Sinatra, De Niro, Stallone , Elvis Presley , Chaplin, Stan Laurel e Oliver Hardy, soltanto per citarne alcuni.

Per avere maggiori info e saperne di più su questo particolare museo, visitate direttamente il sito  museodelcognome.it oppure la pagina Facebook Museo del cognome ad esso dedicata.

di Giuseppina Dede

Scrivere articoli richiede moltissimo tempo e impegno. Se il post ti è piaciuto, aiutami a condividerlo: a te non costa nulla, per me è davvero importante!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

2 thoughts on “Il Museo del Cognome: un insolito tuffo nel passato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *