Chi sono

Campana di nascita, giramondo per scelta.

Traduttrice e blogger di professione, viaggiatrice per passione.

This content is available in English

La curiosità per la vita che mi accompagna fin da quando ero bambina mi ha dato la possibilità di confrontarmi con delle realtà completamente diverse dalla mia e di conoscere, vedere, scoprire angoli di questo mondo meravigliosi, trasformandosi in quella che tutti i giramondo chiamano “passione per i viaggi“. Una passione di cui sono ovviamente entusiasta ma che mi ha portato e mi porta tuttora lontano dai miei affetti più cari. Spero capiranno che non sono mai voluta scappare da loro ma solo cercare di rincorrere i miei sogni.

Descrivere la mia vita in pochi paragrafi è un’impresa difficile ma ci provo lo stesso.

Nasco salernitana e dopo un’infanzia e un’adolescenza felice, serena ma abbastanza sedentaria, terminati gli studi liceali e conseguita la maturità classica, decido di iscrivermi alla Facoltà di Lingue e Letterature straniere presso l’Università “L’Orientale” di Napoli. Appena dopo qualche mese la voglia di viaggiare e sperimentare dal vivo la lingua inglese mi spinge a partire per Londra, completamente in solitaria. Non si tratta di un semplice viaggio ma di un “passaggio simbolico” che mi catapulta nel mondo dei grandi e mi cambia… per sempre.

Rimango a Londra alcuni mesi e mi mantengo lavorando come cameriera in un Internet coffee. Poi torno per proseguire gli studi ma torno diversa, più matura, più carica di entusiasmo e sogni e di nuovi progetti di viaggio alla scoperta dell’Italia e di altri paesi europei. Non mi fermo, continuo a visitare il mondo, altre zone dell’Inghilterra, la Lituania, La Francia, la Polonia e durante l’ultimo anno della Triennale mi candido per uno stage presso l’Università di Bangor, in Galles, dove vivo e insegno italiano per alcuni mesi.

A questo punto torno in Italia e termino gli studi, conseguendo la Laurea Triennale in Scienze della Mediazione Linguistica e contestualmente mi iscrivo alla Specialistica in Comunicazione Interculturale. Gli studi mi appassionano molto e riesco a dare velocemente gli esami per cui inizio a prendere in considerazione l’idea di una nuova esperienza all’estero e, appena ne ho l’occasione, mi candido per un Erasmus Placement con destinazione Dublino, città che avevo visitato e con cui era nato un amore a prima vista.

Supero brillantemente test scritti e colloqui orali e vengo ammessa al percorso di stage che mi vedrà vivere e lavorare a Dublino per un anno nell’ambito del Community Development, all’interno di una ONG locale. La vicinanza ad alcune realtà completamente nuove per me mi spinge a realizzare una tesi di laurea in linea con quanto questa meravigliosa esperienza mi stava regalando e, terminato il mio stage, torno in Italia con una tesi quasi terminata. Giusto qualche ritocco del mio relatore e riesco a laurearmi per la sessione straordinaria di febbraio.

La mia intenzione, però, è quella di tornare al più presto a Dublino e di trasferirmi lì perché in 12 mesi ho imparato ad amare quella città e, nonostante le difficoltà, ero decisa a costruire lì il mio futuro. La vita, però, si dice che abbia più fantasia di noi ed, infatti, a pochi mesi di distanza dalla laurea mentre lavoravo come group leader per un’azienda che organizza vacanze studio all’estero conosco quello che oggi è diventato mio marito e accantono il mio sogno dublinese per vivere questa storia con lui, un sardo innamorato della sua terra dove dice di voler restare.

Le distanze, però, mettevano a dura prova la nostra serenità di coppia così, pur se con qualche perplessità, decido dopo poco tempo decido di trasferirmi in Sardegna per di vivere insieme a lui. Avventato da parte mia? Forse sì ma c’era qualcosa che mi spingeva a crederci e a lottare per questo rapporto, seppur nato da poco. E alla fine il coraggio mi premia…  è la grande storia d’amore che sognavo e non potrei essere più felice se non fosse che in Sardegna si fa fatica a trovare lavoro e non riesco a trovare sbocco da nessuna parte.

Poi, trovo lavoro in una scuola come insegnante di inglese ma non sono soddisfatta e allora mi concentro sulle mie passioni e capacità e, dopo un po’ di gavetta, nel 2014 faccio il grande passo: apro la partita IVA per lavorare come traduttrice e web writer freelance. Le cose sembrano ingranare, creo il mio sito MariannaNorillo.it e, tra alti e bassi, riesco a farmi spazio in questa giungla che è il mondo del web, devo dire, con tante soddisfazioni, la più grande quella di avercela fatta da sola, contando unicamente sulle mie forze e sul supporto di mio marito e della mia famiglia che in questi anni mi hanno sempre incoraggiato.

foto_sukhothai_5

A questo punto, la storia vi sembrerà conclusa ma non è così perché, dopo 7 anni in Sardegna, il destino ha deciso di portarci altrove e abbiamo cambiato completante vita: ci siamo trasferiti a Milano, dove siamo tuttora! Ed è da qui che continuerò a viaggiare (anche di più) e a raccontarvi dei miei viaggi su questo blog che ho aperto, ispirata dal mio viaggio di nozze in Thailandia, dopo aver accumulato ben 10 anni di viaggi e di esperienze con un unico intento, quello di stimolare la vostra curiosità  con interessanti destinazioni di viaggio, anche fuori dai soliti itinerari di massa.

Perché viaggiare è come vivere più vite in una.

Finora ho girato buona parte dell’Italia e dell’Europa, sono stata in molti paesi dell’Asia, nel Medio Oriente e negli Stati Uniti. Nel blog troverete tante storie, articoli ed itinerari che raccontano cosa ho fatto e cosa ho visto nei luoghi che ho visitato ma che affrontano anche aspetti del viaggio spesso trascurati come, ad esempio, gli incontri e gli scontri con altre culture, i miei punti di vista su quello che vedo e le riflessioni scomode che un viaggio mi scatena, le avventure/disavventure che mi  capitano e tutto quello che difficilmente si trova in una guida turistica.

Benvenuti e buon viaggio tra le pagine di questo blog!